Servizi
How to
Fleet&Business
FORUM
seguici con

Nuova Suzuki Ignis vale quel che costa?

Nuova Suzuki Ignis vale quel che costa? | Pagina 9 - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. GuidoP

    GuidoP

    Iscritto:
    1704453093
    Messaggi:
    3.297
    Piaciuto:
    751
    Ignis nuove nuove gt come targa
     
  2. arwhite23

    arwhite23

    Iscritto:
    1687959274
    Messaggi:
    289
    Piaciuto:
    78
    A boosook piace questo elemento.
  3. GuidoP

    GuidoP

    Iscritto:
    1704453093
    Messaggi:
    3.297
    Piaciuto:
    751
    La vendono ancora bene e siamo a giugno
     
  4. arwhite23

    arwhite23

    Iscritto:
    1687959274
    Messaggi:
    289
    Piaciuto:
    78
    si ho capito però swift è uscita la nuova, s-cross è già aggiornata, vitara l'hanno appena uscita e manca lei all'appello, cosa aspettano ad aggiornarla, gli tocca fermare le vendite eh due sono le strade... mah...
     
  5. GuidoP

    GuidoP

    Iscritto:
    1704453093
    Messaggi:
    3.297
    Piaciuto:
    751
    Fan così coi modelli tolsera Celerio sul più bello con quel portento di motore.
     
    A arwhite23 piace questo elemento.
  6. ilValV

    ilValV

    Iscritto:
    1583667236
    Messaggi:
    3.109
    Piaciuto:
    937

    Molto importante? Dipende: ritengo che soprattutto per la stragrande maggioranza che non fa troppi km si dia eccessiva importanza ai consumi. Se poi addirittura mi includi la Picanto 1.0 ancor di più.

    Se con 10.000 km percorsi annualmente Picanto facesse 15 km/l e Ignis 20 km/l significa 666 litri necessari vs 500. Al prezzo di 2 euro al litro il maggior esborso annuale è di 332 euro. Per ammortizzare ben 4.400 euro di differenza sul solo prezzo di acquisto rispetto alla Picanto 1.0 servono oltre 13 anni.

    La realtà è che Ignis non consuma 5 km/l in meno, la benzina costa meno di 2 euro al litro, Picanto 1.0 costa meno nei premi RCA (1.0 vs 1.2), premio i/f (minor prezzo) e bollo... quindi quei 13 anni sono già dilatati, facilmente ci sarà già un'altra auto.
     
    Ultima modifica: 30 Maggio 2024
  7. LucBi

    LucBi

    Iscritto:
    1604920227
    Messaggi:
    96
    Piaciuto:
    38
    Per me é giusto dare importanza ai consumi. Il che si traduce anche nel dare importanza ad inquinare meno.

    Hai indicato differenze nel costo dell'assicurazione e del bollo, non puoi non indicare le differenze nei consumi.

    Considera inoltre che, se uno tiene l'auto per pochi anni, non riesce giustamente ad ammortizzare la differenza di prezzo però il maggior prezzo di acquisto si traduce, solitamente, in maggior prezzo di vendita dell'usato.
     
    A amicable piace questo elemento.
  8. ilValV

    ilValV

    Iscritto:
    1583667236
    Messaggi:
    3.109
    Piaciuto:
    937
    Se privilegi l'aspetto economico l'importanza dei consumi dipende dai km annuali e non può comunque prescindere dal prezzo di acquisto. Sull'aspetto ecologico preferisco soprassedere a causa dell'enorme ipocrisia che circola per favorire quello economico.

    Nel settore auto solitamente meno spendi all'acquisto e meno rimetti a rivendere.
     
  9. amicable

    amicable

    Iscritto:
    1249232691
    Messaggi:
    7.131
    Piaciuto:
    1.645
    Ultima modifica: 30 Maggio 2024
  10. GuidoP

    GuidoP

    Iscritto:
    1704453093
    Messaggi:
    3.297
    Piaciuto:
    751
    Attenzione ai consumi, il modello di Picanto che sta uscendo ha aggiornamenti al motore, vi indicherò poi consumi reali della moglie...a meno che Ignis non montino il Tre nuovo penso che i consumi saranno sempre quelli....
     
  11. amicable

    amicable

    Iscritto:
    1249232691
    Messaggi:
    7.131
    Piaciuto:
    1.645
    E parliamo sempre di decimali di lt. Più che altro se la Ignis consuma effettivamente quanto dichiarato e a volte anche meno, tipo chi viaggia mai a pieno carico o con al max 1-2 persone a bordo, per altri motori forse la cosa non è così scontata. La mia Swift ad es. ti posso garantire che ha consumi medi inferiori della mia vecchia Fiat Uno 45, col 903 cc. :emoji_astonished:

    Per cui ecco, anche per chi non è attento all'efficienza di guida, è facile che con la Ignis consuma sempre poco, non la stessa cosa per chi ha un turbo, che dichiara si medie leggere, ma solo se usato correttamente.

    Ignis vale quello che costa? E chi lo sa? Bisognerebbe chiedere a Suzuki quanto gli costa produrla e venderla. In ogni caso costerà poco nel tempo probabilmente, con meno visite (secondo statistiche del brand) dal meccanico e dal benzinaio.
     
    Ultima modifica: 1 Giugno 2024
  12. Mo Dello

    Mo Dello

    Iscritto:
    1479630925
    Messaggi:
    590
    Piaciuto:
    208
    Io penso che in molti guardano alle dimensioni di un auto e calcolano il prezzo un tanto al metro, però non contano che tutte le auto hanno gli stessi identici componenti con le stesse identiche lavorazioni e non è sicuramente 0,5mt di acciaio in meno che fa la differenza sul prezzo finale.
    Quindi che una piccola da 3.7m costi uguale ad una da 4,2m non è così strano a parità o quasi di caratteristiche, anche perchè a livello industriale le differenze fra le componenti anche di qualità superiore sono veramente piccole.
     
  13. GuidoP

    GuidoP

    Iscritto:
    1704453093
    Messaggi:
    3.297
    Piaciuto:
    751
    Ma storicamente il mercato dell'auto Italiano e non solo era basato sulle dimensioni, il motus symbol, auto piccola (generico) auto media o berlina da famiglia (ritmo tanto per intenderci) auto grossa o ammiraglia.

    Le prime sui mille di cilindrata, le seconde da millecento a millesei (versioni sportive o particolari escluse) e le terze rigorosamente millesei-milleotto-duemila a benzina, o più tardi diesel 2000-2500 anche turbo....bisogna forse aspettare la Smart per la definizione di Citycar
     
  14. amicable

    amicable

    Iscritto:
    1249232691
    Messaggi:
    7.131
    Piaciuto:
    1.645
    Si concordo (adesso), le cose sono cambiate e in peggio per le seg. A e B, adesso produrle costa quasi lo stesso che produrre un B-Suv o forse anche un C-Suv, o poco meno, per cui chi comprava le seg. A o B solo per il minor prezzo, adesso se alla stessa cifra o poco più, può ambire ad altro è giusto che lo faccia, l'importante che metta in conto che a gestione l'auto costerà di più, oltre al fatto che essendo più grande, si muoverà meno bene in città e magari non gli entra più nel box. Però se tutti questi dettagli sono ininfluenti, ben venga il seg. superiore o l'auto più spaziosa.
     
    Ultima modifica: 10 Giugno 2024
  15. GuidoP

    GuidoP

    Iscritto:
    1704453093
    Messaggi:
    3.297
    Piaciuto:
    751
    Il "declino" voluto delle Seg. A è iniziato nel 2015 circa....per un motivo, i crash test, le macchine più piccole erano in "affanno" rispetto a quelle più dimensionate e il costo per renderle sicure ne ha fatto lievitare il prezzo col lievitare del prezzo il compratore ha valutato come "alternativo" le auto di segmento superiore.
     

Condividi questa Pagina