Dubbi su mappatura e legalità

Dubbi su mappatura e legalità - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. Lucarenna01

    Lucarenna01

    Iscritto:
    1649645402
    Messaggi:
    1
    Piaciuto:
    0
    Ciao ragazzi , ormai sappiamo cosa è una rimappatura e a cosa si va incontro soprattutto alla rivalsa dell’assicurazione dopo un incidente , in caso in cui non sapevi che la macchina era rimappata dopo il controllo della perizia , come bisognerebbe comportarsi? Per intenderci “ ma che ne sapevo io che era modificata”
     
  2. omniae

    omniae

    Iscritto:
    1632753699
    Messaggi:
    215
    Piaciuto:
    230
    Se ti compri una casa con un abuso edilizio commesso dal precedente prioprietario e che poi emerga causa controlli da parte degli uffici competenti in materia, ne rispondi e sei costretto a pagare la sanzione (l'abuso edilizio è un reato) e sanarlo come se l'abuso lo avessi commesso direttamente tu (ammesso sia sanabile, altrimenti demolisci). Non esiste per la legge il "ma io non lo sapevo" (della serie la legge non ammette ignoranza).
    Per le centraline modificate ho la vaga impressione che generalmente funzioni allo stesso modo... Puoi sempre tentare dicendo che forse la centralina della tua vettura è dotata di una AI (intelligenza artificiale) talmente evoluta e dotata di irrefrenabile autostima da collegarsi autonomamente in rete e automodificarsi a tua insaputa....
     
    Ultima modifica: 21 Settembre 2022
    A SupercinqueTC piace questo elemento.
  3. albert56

    albert56

    Iscritto:
    1411379856
    Messaggi:
    12.580
    Piaciuto:
    3.044
    quando si ha il dubbio è meglio assicurarsi, come dice anche omniae, la legge non ammette ignoranza!!
     
  4. Vittorio

    Vittorio

    Iscritto:
    1603280413
    Messaggi:
    918
    Piaciuto:
    402
    Premesso che: un'auto con la centralina modificata non è conforme e quindi non può circolare, e quindi in caso di incidente si passa dalla parte del torto. "Non lo sapevo" non è un'attuante, la legge si applica sia che la si conosca oppure no.

    Per quanto riguarda la parte penale, in caso di incidente con lesioni gravi o gravissime la legge 41/2016, prevede la reclusione da tre mesi ad un anno per le lesioni gravi (superiori a 40 giorni) e da uno a tre anni per le lesioni gravissime cagionate colposamente con violazione delle norme sulla circolazione stradale.

    Per quanto riguarda la parte civile (risarcimento danni), dipende da cosa prevede la clausola di esclusione del diritto di rivalsa, per sapere se l'assicurazione si rivarrà oppure no.

    Sempre in caso di incidente grave o gravissimo l'auto viene sequestrata e sottoposta a perizia dalle assicurazioni e dai CTP e CTU.
     
    A Pol87 piace questo elemento.
  5. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    39.239
    Piaciuto:
    4.623
    Può accadere solo se compri un usato rimappato, nel caso meglio farsi rilasciare una dichiarazione di conformità dal venditore.
     
    A gbortolo piace questo elemento.
  6. dasca88

    dasca88

    Iscritto:
    1540204265
    Messaggi:
    3.092
    Piaciuto:
    849
    no, nei rogiti c'è il punto che dice che l'edificio è conforme a quanto registrato a catasto, se non è così tutto l'atto è nullo.....e, la legge no, infatti l'opener conosce la legge, le modifiche fatte da altri sì...ma vallo a dimostrare..
     
    A Suby01 piace questo elemento.
  7. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    39.239
    Piaciuto:
    4.623
    Penso che le centraline registrino tutto, anche le date, bisogna farla vedere da uni specialista.
     
  8. omniae

    omniae

    Iscritto:
    1632753699
    Messaggi:
    215
    Piaciuto:
    230
    La conformità catastale può essere verificata prima, vero, ma che taglia la testa al toro è la conformità urbanistica ed edilizia ( presenza di permesso di costruire o sanatoria). Infatti il DPR 380/2001 all'art. 46 richiama la nullità dell' atto o l' impossibilità di stipula quando non risultino, per dichiarazione dell' alienante, gli estremi del permesso di costruire.
    Prima di acquistare (o mettere in vendita) un immobile, soprattutto in caso di dubbi, conviene pretendere un certificato di conformità urbanistica, che alla fine è una perizia di un tecnico abilitato che certifica, sotto la sua responsabilità (penale) la regolarità o meno dell'immobile, tramite accessi agli atti edilizi esistenti e verifiche dirette sull' immobile stesso.
    La semplice dichiarazione di chi vende che l' immobile è a posto non tutela l' acquirente, come ribadito a Sezioni Unite dalla Cassazione, con la sentenza n. 8230 del 22 marzo 2019. Risporto un riassunto esaustivo trovato in rete: "Le Sezioni Unite hanno infatti risolto il contrasto formatosi sul punto, nel senso per cui la nullità derivante dalla falsità della dichiarazione dell'alienante ex artt. 17 o 40 della legge 28 febbraio 1985, n. 47, è solo "testuale", e quindi non assoluta e tale da invalidare il contratto senza bisogno di altre indagini (qualora, almeno secondo l'interpretazione che finora era prevalente, la falsità riguardasse elementi essenziali della legittimità urbanistica, e non soltanto irregolarità secondarie). Secondo la sentenza in esame, l'obbligo di comunicare sull'atto di vendita i titoli relativi alla costruzione e allo status urbanistico-edilizio dell'immobile, avrebbe in realtà una funzione semplicemente informativa, e non di garanzia dell'interesse pubblico sulla regolarità e l'assenza di abusi".
     
  9. Pol87

    Pol87

    Iscritto:
    1621253685
    Messaggi:
    528
    Piaciuto:
    222
    Se non viene scritto sulla fattura e il cliente si attiva subito tira aria di carte bollate, e rimborsi discretamente più grossi del valore di acquisto:emoji_grin:

    Se invece si lascia passare acqua sotto i ponti, passando anni a far sorpassi pagando meno bollo, meno assicurazione, inquinando etc, quando si ciocca si paga tutto con gli interessi, e non solo in moneta ma anche in giorni.
     
    Ultima modifica: 21 Settembre 2022
  10. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    39.239
    Piaciuto:
    4.623
    Concordo, successe 20 anni fa ad un amico che rivendette la golf rimappata, a cui venne richiesta un cifra per ripararla dal nuovo proprietario. Gli chiese se si fosse divertito. L'altro annuì. E gli disse che ora doveva pagare il biglietto dello spettacolo.
    Io, se dovessi elaborare una vettura, punterei più ad assetto per migliorare la dinamica in curva e la sicurezza attiva, casomai potenzierei anche l'impianto frenante. Tanto con le condizioni di traffico, non vedo a cosa serva tanta potenza, al massimo qualche sorpasso se c'è un mezzo lento, tipo un trattore...
     
    A Pol87 e gbortolo piace questo messaggio.
  11. Pol87

    Pol87

    Iscritto:
    1621253685
    Messaggi:
    528
    Piaciuto:
    222
    Acquistare un mezzo che ha girato truccato per anni (aka col motore bollito) per poi farselo riportare originale, imho, ha poco senso.
    Che ne so io che quella turbina non finisce in pezzi al prossimo avviamento?

    Molto più semplice un rimborso pieno, con rinforzo per il disturbo
     
  12. candele

    candele

    Iscritto:
    1649152545
    Messaggi:
    44
    Piaciuto:
    15
    Alt un momento se l'auto l'ha venduta un concessionario o rivenditore è responsabile ,non può vendere un prodotto non conforme .Anche col solo contakilometri manomessi se si dimostra.
     
  13. F1lippo

    F1lippo

    Iscritto:
    1498543772
    Messaggi:
    389
    Piaciuto:
    147
    Civilmente, nei confronti della tua assicurazione, devi provare la tua buona fede e quindi che non potevi sapere/prevedere che l'auto fosse rimappata quando hai stipulato con loro la polizza .
    Penalmente, nell'ipotesi inverosimile che fosse contestata la condotta colposa unicamente per la presenza di una rimappatura (direi caso impossibile), devi dimostrare sempre la buona fede e che hai fatto tutto il possibile per non incorrere in un acquisto dubbio.
    Nel penale ci cadi per la violazione di altre norme del codice della strada perchè un incidente si verifica certamente per altre cause e, a quel punto, la rimappatura è l'ultimo dei problemi se pure viene rilevata (ho seri dubbi al riguardo).
     
    A spuncia piace questo elemento.
  14. F1lippo

    F1lippo

    Iscritto:
    1498543772
    Messaggi:
    389
    Piaciuto:
    147
    Non credo che in un capo di imputazione contesteranno mai che l'incidente si è verificato per colpa di una rimappatura. L'incidente si sarà verificato certamente per la violazione di una condotta di guida. La rimappatura non è causa autonoma/concorrente o sufficiente per il concretizzarsi di un sinistro stradale. Quindi escluderei a priori un coinvolgimento di natura penale per questa violazione del codice della strada.
     
  15. Progger67

    Progger67

    Iscritto:
    1552779747
    Messaggi:
    761
    Piaciuto:
    183
    Curiosità : se una macchina ha il FAP rimosso, si vede a occhio nudo?
     

Condividi questa Pagina