Sul futuro che fa tanta paura

Sul futuro che fa tanta paura | Pagina 2 - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. peppelomb

    peppelomb

    Iscritto:
    1484910858
    Messaggi:
    1
    Piaciuto:
    0
    Quanto invidio chi vive in zone remote, con strade piene di curve e senza noie come pedoni che attraversano, autovelox o altri tristi figuri che controllano che tu rimanga nei limiti del codice, dove si possa pennellare a piacimento le curve e sfruttare tutti i cavalli che il motore generosamente concede godendo appieno il piacere della guida ..... però io non vivo in quei luoghi e la stragrande maggiorannza delle persone non vive in quei luoghi e il 90% di ciò che ci fa con l'auto è acceleratore, freno, frizione, scala, frizione, acceleratore, sali di marcia e poi ancora freno, frizione, scala, frizione, acceleratore, etc, etc. sperando che quello dietro sia altrettanto pronto a fare lo stesso quando serve. Personalmente il giorno che mi daranno la possibilità di potermi sedere su una comoda poltrona e semplicemente dire al mio mezzo dove deve andare leggendomi tranquillamente un tradizionale giornale di carta mentre il suddetto mezzo si occupa di trasportarmi a destinazione in piena sicurezza mia e degli altri, farò festa.
     
  2. igormc5

    igormc5

    Iscritto:
    1466593291
    Messaggi:
    206
    Piaciuto:
    62
    beh, i treni e le metropolitane più o meno fanno questo, e non si deve trovare parcheggio.
     
  3. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    28.873
    Piaciuto:
    1.708
    i treni e le metropolitane non sono capillari e non hanno orari ravvicinati in ogni fascia oraria... ed io sono stato pendolare per decenni...
     
    A bellafobia e pilota54 piace questo messaggio.
  4. pilota54

    pilota54 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238716864
    Messaggi:
    27.025
    Piaciuto:
    4.809
    Infatti, se parliamo di Roma e Milano i mezzi pubblici sono in quantità appena discreta, sulle altre grandi città stendiamo un velo pietoso.......
     
  5. NEWsuper5

    NEWsuper5 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1239372328
    Messaggi:
    31.004
    Piaciuto:
    2.818
    ...e se non abiti in città, non solo non hai la metropolitana, ma non hai nemmeno servizio urbano e spesso le stazioni dei treni distano decine di km.
     
  6. Paoazzo

    Paoazzo

    Iscritto:
    1446543060
    Messaggi:
    3.911
    Piaciuto:
    642
    Aggiungerei i pulsanti dei vetri illuminati(Mazda in questo fa da maestra sulla 3, peccato non lo faccia sulle altre :confused: ), le luci che ti illuminano le pedane interne, le maniglie esterne, le musichette di benvenuto, la bussola che appare sullo specchietto retrovisore, i sedili riscaldati, il vano refrigerato.
    Io personalmente più che la guida autonoma, preferirei auto progettate in modo che quando si rompe qualcosa e vai dal meccanico non ti faccia pagare a sangue il tempo impiegato nella manodopera perchè, per esempio, per cambiare una lampadina devi smontare tutto il fanale, e per farlo devi tirar giù il paraurti.
    Ma la guida autonoma sarà un cambiamento necessario e fisiologico...sempre più gente si imbambisce alla guida nel "cipollare" lo smartphone, e per impedirgli di far danni la tecnologia si evolverà in quel verso...e se lo farà....speriamo che la usino. Così possono stare sui social vita natural durante :cool:
     
  7. Brumista

    Brumista Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1239323671
    Messaggi:
    20.597
    Piaciuto:
    620
    Il progresso non si può fermare....
    Ma si può e si deve "controllare"...
    Il mio pensiero è che oggi, sempre più, le case automobilistiche stiano spostando il "prodotto" più verso una "digitalizzazione consumistica" piuttosto che un vero e proprio passo avanti nella tecnica costruttiva ad uso e consumo del cliente...
    Ovvero, oggi la fanno da padroni i vari "infotainment" di bordo...
    Quando parli con qualcuno di qualsiasi auto ti piacerebbe avere o che hai visto, la prima cosa che (molti) ti chiedono è: "Quanti pollici ha lo schermo"...???
    Disquisizioni infinite sulle varie "connettività"....!!!!
    Poi se gli chiedi qualcosa circa la guida autonoma ti guardano come se fossi un marziano...!!!
    Ritengo che ad oggi si abbondi ancora troppo nell'ignoranza (nel senso strettamente letterale del termine..) verso questo tipo di futuro nelle auto di "tutti i giorni"...
    Personalmente sono poco incline verso questo futuro di guida...
    Per me l'auto "DEVE", a tutt'oggi, rimanere un mezzo "nelle mie mani", che deve assecondare ogni mia volontà...!!!
    Ben conscio, ovviamente, che il progresso non lo si può fermare, ritarderò il più possibile una scelta del genere..
    Anche perchè, come detto, non si tratta "solo" di automatizzare una macchina, ma di creare contestualmente tutto un "sistema" che funzioni ( RETI, Infrastrutture, viabilità asservita allo scopo e quant'altro...) e mi perdonerà il Direttore se dico che purtroppo viviamo in Italia, sapendo bene come il sistema "Gestione Italia" funziona...!!!!!

    Piccola riflessione....
    Rimpiango moltissimo quando la 4R riempiva le pagine di prove "tecniche" e sapeva andare talmente a fondo nelle specifiche da lasciare ebbro il lettore di nozioni ed emozioni....

    Oggi difficilmente riesco ancora a provare le stesse emozioni...
     
    A Jerrry piace questo elemento.
  8. damaga3

    damaga3

    Iscritto:
    1303854836
    Messaggi:
    50
    Piaciuto:
    21
    Non mi fa paura il futuro automobilistico, sono invece stanco, anzi stufo (che è peggio) di sentirmi dire e di leggere di come sarà il domani quando poi nella pagina successiva del giornale o della rubrica specializzata (4R compreso) troviamo l'invito a comprare un Diesel.
    Ancora un Diesel, nonostante tutto.
    Il domani ? Sarà ancora pieno di fumo e di fuliggine, finchè ci sarà petrolio.
    Quindi di che parliamo ?
     
    A Jerrry piace questo elemento.
  9. SUBmARine U-14

    SUBmARine U-14

    Iscritto:
    1419441871
    Messaggi:
    4.162
    Piaciuto:
    823
    Mi si perdonerà l'ineleganza del citare me stesso:
    "...A nessuno piace lavare i piatti, ben venga la lavastoviglie
    A nessuno piace zappare la terra, ben venga il trattore
    A molti piace guidare, altrimenti non esisterebbero automobili con sei, otto, dodici cilindri, né Forum come questo; avremmo tutti la Matiz 98 bianca (tante simil lavatrici)..."

    È indubbio che per moltissimi automobilisti l'automobile non sia soltanto un elettrodomestico per andare da B a C, ma anche -forse soprattutto- un oggetto di passione con il quale autopremiarsi, quasi a livello ludico.
    Una vettura a guida autonoma la vedrei come un taxi senza pilota (a mio uso personale), una limousine con autista, dove quest'ultimo non è fatto di carne e ossa, bensì di circuiti elettronici.
     
    A carlo alberto, pilota54 e Bertaxi piace questo elemento.
  10. xander71

    xander71

    Iscritto:
    1238593886
    Messaggi:
    831
    Piaciuto:
    93
    leggevo da qualche parte la bussola nello specchietto ...., è intelligentissima se le indicazioni stradali lo fossero anche lor, tipo A1 S ( direzione sud) A1 N ( direzione nord ) E45 E ( direzione Est) etc... agevolrebbe tantissimo i turisti che magari non sanno i nomi delle città ...cosi sanno in quale direzione andare...
     
  11. arizona77

    arizona77

    Iscritto:
    1316471787
    Messaggi:
    55.780
    Piaciuto:
    2.158

    E le Assicurazioni, che dicono?
     
  12. Luca 79

    Luca 79

    Iscritto:
    1243116015
    Messaggi:
    151
    Piaciuto:
    4
    Ho appena compiuto 38 anni e ricordo bene l'entusiasmo mostruoso per le auto (e un po' per le moto poco prima che arrivasse l'età del motorino), da sempre. Lettore di 4R sin da piccolo e anche collezionista, pur senza avere tutti i numeri. Entusiasmo anche nei primi anni di patente. Poi è iniziato l'andazzo di far credere che sia figo il cambio automatico (faccio quasi 40000 km anno ma per fortuna traffico zero o pochissimo, mi ritengo fortunato e non faccio testo, tutti km goduti), e che il futuro sia elettrico, la panacea di ogni male per l'inquinamento (ma sarà così?). Auto inzuppate di mille diavolerie, e per certi versi va pure bene (ottima, fondamentale, la diffusione di ABS, ESP ecc.), vetture sempre più sicure e resistenti. Anche pulite, volendo, confrontate con il passato. Però...Non so se faccia paura il futuro: a me personalmente non entusiasma, è lontano da quel che mi piace, mentre da piccolo non vedevo l'ora della patente. Inevitabilmente, le auto che sognavo allora son sempre di meno (però ho la soddisfazione di vedere chi può svenarsi per pigliare le ultime rare Ferrari con il 6 marce a gabbia aperta). Vedremo, che altro dire? Per quanto mi riguarda, al volante non faccio il somaro, mi diverto come posso (guidatore normale, piuttosto prudente) e in collina spengo pure la radio, mi godo la strada e la guida. Persino in autostrada, pur avendo il cruise, mi rifiuto di usarlo (ho una Civic 1600 diesel, ottima), anche per tirate di 600 km (che non mi pesano: però va detto che viaggi del genere capitano 8 volte l'anno, per dire).
    Ovviamente la piega si ripercuote anche nei confronti della rivista, che è meno "allettante" di un tempo, pur se, dal 22-23 del mese in poi, la prima cosa che si fa arrivando a casa è chiedere se è arrivato il nuovo numero. Ma vale per tutti, le tendenze son quelle. PS: invano attenderò una prova completa della 911 R, per compensare le decine di recensioni del pdk (Cayman GT4 esclusa), mi tocca leggere le riviste inglesi come Top Gear...
     
    A mg27 piace questo elemento.
  13. Paoazzo

    Paoazzo

    Iscritto:
    1446543060
    Messaggi:
    3.911
    Piaciuto:
    642
    Ma dai...ma se tutte le auto ormai c'hanno il display con il navigatore...
     
  14. roam

    roam

    Iscritto:
    1399982175
    Messaggi:
    7
    Piaciuto:
    0
    La realtà è che nessuno affida allo smartphone la propria vita.

    E, dovendola affidare alle case automobilistiche, vista la qualità dei sistemi di bordo che ci propinano, ed il costo che osano chiedere per quella schifezza, uno si domanda come pretendano di guidare una vettura se non riescono a collegare stabilmente un telefono sul quel bancomat a centro plancia; ne ho parlato in passato qui

    https://edue.wordpress.com/2015/08/26/dateci-un-maledetto-buco/

    Poi è vero che la stragrande maggioranza degli utenti di autovetture non sono automobilisti; ignorano persino i fondamenti di tutto quanto li circonda, a partire dal codice della strada; viaggiano con le ruote bucate, non fanno né rifornimenti né rabbocchi, i tagliandi, signora mia, e perché mai e, sopratutto, ignorano di essere circondati da altri utenti delle stesse infrastrutture, quando non li considerano semplicemente rivali o prede.

    Per costoro avere un mezzo che li porti da A a B, magari lasciandoli liberi di scaccolarsi o parlare al telefono invece di dover pure (!) guidare sarà una manna. E forse anche per noi.

    Anch'io ho fatto qualche gara tanti anni fa, ed anche a me piace molto guidare; ma il traffico non è guidare, in autostrada meglio il cruise control che un crampo al piede destro, meglio ancora se adattivo.

    Da informatico devo però notare come la maturità di una tecnologia coincida con la mancata necessità di rivolgersi agli appassionati; è stato così per gli elettrodomestici, è stato così per i computer, è stato così per la telefonia cellulare; sarà così anche per le auto: più saremo ad usarle e meno sarà necessario esserne appassionati.

    Cosa resta agli appassionati? Sperare che almeno in determinate circostanze si possa disattivare la guida autonoma (benvenuta per il 99% del tempo, ribadisco), e potersi divertire un po'.

    È ovvio che qui dentro non c'è il 99% della popolazione italiana che usa un'autovettura; quindi è ovvio che non siamo un campione statistico rilevante; sarebbe come voler visitare la Svizzera, partire da un'ospedale e dedurne che tutti gli svizzeri sono malati (©CMG)

    * * *

    P.S.: se poi foste così gentili da togliere la possibilità di commentare gli articoli, visto che per le discussioni avete già blog e forum, la qualità dell'online ne guadagnerebbe grandemente, privando i soliti del grattino su cui farsi le unghie con gli stessi argomenti e lo stesso lessico a prescindere dall'argomento commentato.

    JM2C.
     
  15. taraste

    taraste

    Iscritto:
    1417092052
    Messaggi:
    2
    Piaciuto:
    1
    Egregio Direttore,
    se l'introduzione della tecnologia incontra resistenze nel mondo delle auto, la causa è addebitabile, a mio giudizio, ad una sostanziale differenza che esiste tra l'auto stessa da una parte e la tecnologia esasperata più recente dall'altra.
    La prima è un'invenzione che nel corso della sua storia più che centenaria è passata attraverso i consensi di svariate generazioni, delle quali fanno ancora parte persone che, innamorate della meccanica, si sentono private di un prodotto che sta cessando di rappresentare la loro passione autentica.
    Insomma l'automobile era nata come automobile e basta, un oggetto che con le sue caratteristiche intrinseche ed essenziali ha sprigionato un fascino a cui nessuno ha saputo sottrarsi in tutti i suoi cento anni di storia.
    Per molti, vederla ridotta ad un ammasso di sensori, centraline, bottoni per comandare funzioni che nulla hanno a che fare con il piacere della guida, è stato un trauma; ed ora la promessa di farle andare da sole, a me come a tanti, suona come una minaccia!
    La stessa storia non ce l'hanno le diavolerie di recente invenzione delle quali, a me come a tutti quelli della mia generazione o delle generazioni ancora precedenti, non frega nulla.
    Queste ultime piacciono solo a chi, nato di recente, le auto vere non le ha mai conosciute: non è un caso che i giovani senza patente sono sempre più frequenti, gli stessi giovani che però "guai non avere l'ultimo smartphone ultimo grido".
    In realtà, il problema è più complesso, è uno scontro tra generazioni: noi avevamo le nostre automobili, loro hanno i loro smartphone e quant'altro.
    Ora, io capisco che le case automobilistiche, come voi addetti ai lavori, stanno facendo di tutto per piacere ai più giovani, ma non veniteci a dire che noi abbiamo paura del futuro!
    Semplicemente, ci stanno togliendo il caro vecchio giocattolo a cui eravamo affezionati e che a noi piaceva così com'era, con le sue caratteristiche intrinseche ed essenziali.
    Tutto qui.
    Buonasera.
     
    A carlo alberto piace questo elemento.

Condividi questa Pagina