Quattroruote, quale strada per il domani

Quattroruote, quale strada per il domani | Pagina 3 - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. ALGEPA

    ALGEPA Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1243529961
    Messaggi:
    16.053
    Piaciuto:
    5.255
    io fatico a pensare che un eventuale Yaris Diesel ora costerebbe meno e consumerebbe meno della versione ibrida, poi come detto altre volte ci sono tanti altri parametri da tenere in conto per determinare il vantaggio di un modello rispetto ad un altro ma permettimi di dire che sicuramente una Yaris Ibrida, o nuova Clio ibrida , tutto sono ma non degli elettrodomestici.
     
  2. a_gricolo

    a_gricolo

    Iscritto:
    1238534943
    Messaggi:
    56.571
    Piaciuto:
    8.349
    ....la faccina non era lì per consumare byte, eh..... ;)
     
  3. mg27

    mg27

    Iscritto:
    1485435636
    Messaggi:
    3.899
    Piaciuto:
    1.438
    Più che altro, credo che di sicuro hai anche notato i prezzi...
    Tralasciando la Yaris ibrida che è una vettura concreta, ma che han anche il sul bel prezzo, frutto anche dell'unicità nel suo segmento, oramai se vuoi avere un'auto divertente nuova devi perforza spendere moltissimo.
    L'unica è la 500 abarth ma essendo una piccola vettura di segmento A è uno sfizio che non è adatto a tutti.
    Ora francamente se vengono provate auto come la mini gp, la G AMG o che ne so, Ferrari, Porsche 911 ma anche una S6, sí va bene leggo la prova, sono auto stupende, velocissime, ma sono talmente irrealizzabili per la maggioranza di noi che credo scaldino poco il cuore o meglio questo è quello che accade a me.
    Forse è anche per questo che molti si stanno interessando alle youg timer, auto che una volta erano costose, ora magari sono sogni realizzabili e comunque han meno cavalli pur divertono ugualmente, così non si viene massacrati col bollo.
    Se non ci fosse il problema dei ricambi e delle norme antinquinamento che bloccano i veicoli non d'epoca penso che ne vedremo molte di più circolare anche quotidianamente.
     
    A freddy85 e andreaci75 piace questo messaggio.
  4. pilota54

    pilota54 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238716864
    Messaggi:
    37.313
    Piaciuto:
    8.478
    Infatti è stata aperta questa discussione, proprio per vedere quanti lettori approvano in toto e intendono promuovere e seguire quello che in Europa ci viene propinato come irrinunciabile e urgentissimo (abolire le auto termiche), e quanti invece hanno un atteggiamento più articolato, più costruttivamente critico, più pragmatico, e guardano non solo al "domani", inteso come 2030 o 2040, ma anche al medio termine, a quello che, tra l'altro, occorre anche fare a priori (es. infrastrutture, mega-incentivi) per rendere davvero operativo e fruibile quello che si ritiene di dover fare quasi subito, ammesso che sia proprio irrinunciabile ed esclusivo, ovvero l'unica via percorribile.

    Chiaro che Quattroruote, qualunque sia la sua posizione sulle auto elettriche, deve venire incontro alle aspettative e ai desideri dei lettori.
     
    Ultima modifica: 17 Settembre 2020
  5. edoardosavoia

    edoardosavoia

    Iscritto:
    1512548856
    Messaggi:
    1.406
    Piaciuto:
    667
    elettrico o non elettrico, per me è dura interessarmi a nuove auto. Le uniche che mi destano emozione (Lotus, Dallara, Cayman GT4) non sono alla portata di un comune mortale (anche perché non adatte a essere l'unica auto), la maggior parte delle altre ha ormai la forma di cassonetti della raccolta differenziata.
     
  6. U2511

    U2511

    Iscritto:
    1381913958
    Messaggi:
    13.012
    Piaciuto:
    3.516
    Hai ragione, gli elettrodomestici non si muovono da dove sono installati, questi sono elettrosemoventi

    :D

    Absit iniuria verbis :)
     
    A ROVIGOLAW1 piace questo elemento.
  7. pilota54

    pilota54 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238716864
    Messaggi:
    37.313
    Piaciuto:
    8.478
    Effettivamente oggi un’auto vale l’altra. Quelle nuove si somigliano tutte e sono quasi tutte Suv-Crossover.
    Le auto “sportive” (per quanto riguarda cabrio e spider c'è un topic specifico), supercar a parte, cioè quelle dai prezzi “abbordabili”, sono pochissime.
    E anche le elettriche o sono city-car/utilitarie o sono Suv, le due tipologie di auto oggi più diffuse. Tempi duri per gli appassionati.
     
  8. maurofiorini

    maurofiorini

    Iscritto:
    1238536289
    Messaggi:
    877
    Piaciuto:
    113
    Deve venire incontro o deve anticipare aspettative e desideri?
     
  9. Divergent

    Divergent

    Iscritto:
    1498752066
    Messaggi:
    4.135
    Piaciuto:
    2.328
    Secondo me la rivista "fisica" avrà anche il problema delle nuove generazioni sempre più "connesse", lo dico da addetto ai lavori, ho una azienda grafica, che vede le tirature calare continuamente e interi settori che scompaiono digitalizzandosi e abbandonano la carta o comunque si prendono una bella ridimensionata..... esempio le brochure delle auto e i listini, oggi più facilmente consultabili in pdf.

    Forse l'editore dovrebbe sperimentare nuove tecnologie per allargare gli orizzonti della rivista, magari iniziando dal semplice QRCode fino ad arrivare a "cippare" la copertina per far sperimentare nuove dimensioni come la realtà aumentata..... son idee che sto portando avanti su clientela di diversi settori e noto grande interesse per questo "matrimonio" tra carta e tecnologia, con feedback molto positivi.
    D'altra parte si innovano le automobli..... vuoi lasciare al passato le riviste?
    Oggi per visualizzare qualcosa su uno smartphone non serve nemmeno una app dedicata...
    Poi, però, il Direttore mi paga le Royalty per i suggerimenti.... [​IMG]

    Sul resto no, io sono un Talebano del motore termico in ogni sua declinazione, amo rumori e odori di auto e moto malgrado negli anni si siano sempre più calmierati..... con questo non voglio dire che son contrario all'elettrico, solo che la mia passione non trova un riscontro in esso perciò la mente lo declassa a obbligo e non a piacere.

    Evviva i V8!
     
  10. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    31.134
    Piaciuto:
    2.389
    Lo sapevo, neanche del mio a leggere bene...
     
  11. quantum leap

    quantum leap

    Iscritto:
    1552632055
    Messaggi:
    662
    Piaciuto:
    597
    Escluse ca va sans dire AR Giulia e Stelvio, che sono l'eccezione che conferma questa regola. ..:rolleyes: se cosí si può definire l'odierna situazione delle tipologie proposte, della tecniche e del mercato (con benedizione dell' annesso marketing):D Chiudo OT alfistico-provocatorio.. .
     
  12. JigenD

    JigenD

    Iscritto:
    1306253082
    Messaggi:
    3.444
    Piaciuto:
    267

    quoto e sottoscrivo pressoché tutto...io, se ci riuscirò, comprerò (forse) un benzina aspirato intorno ai 2 litri poco sfruttato, impianto a gpl e via...
     
  13. ----

    ----

    Iscritto:
    1561245377
    Messaggi:
    3
    Piaciuto:
    1
    Da un lato la richiesta di pareri da parte del Direttore è comprensibile, lo è meno la prospettiva di passare nel giro di un anno a dover provare soprattutto elettriche. Per me ha ragione Pilota 54, tempi affrettati, a prescindere dagli studi ambientali postati da alcuni. Difficile che, con i tempi che corrono, casse integrazioni che non arrivano, posti a rischio ecc., la gente faccia la fila per sostituire l'auto con un'elettrica, che è ancora oggi, in generale, soluzione con fruibilità ridotta e impatto meno ottimale del previsto (vedi ragionamenti alla base del progetto Mazda MX30, con batteria sottodimensionata). Potendo, la gente terrà la sua euro 4 o 5, nel caso le amministrazioni decidessero di non vessare troppo la categoria. Altrimenti, i più (non tutti, di sicuro aumenteranno le ibride) cercheranno qualcosa di conveniente restando nell'ambito dei benzina o diesel (in base ai km), possibilmente facendo in modo che ci sia un po' di soddisfazione nel recarsi da A a B e ritorno... Si tenga conto che non sono le auto il problema maggiore: e non è che se "molli" un'euro 4 ancora decente per una nuova auto, la prima sparisce. Verrà portata in qualche altro paese e andrà avanti a circolare: con il risultato, a livello planetario, di un aumento del numero di mezzi circolanti. Quanto al giornale, liberissimi di prendere decisioni editoriali drastiche: i concorrenti di pari formato ormai sono a pezzi, snaturati, mentre va benone il mensile a basso costo, che ha il pregio di presentare spesso prove di modelli e allestimenti intermedi e non le solite tedesche con 20000 euro di optional a farla da padrone. Vorrà dire che per necessità si consulterà dell'altro; per la passione, anche sotto forma di filmati, le opportunità sono diverse, senza necessariamente rivolgersi a testate specifiche sulle auto storiche o attempate. Sul numero ora in edicola, per ciò che mi riguarda, l'interesse maggiore è dato dall'intervista a Gordon Murray e alla sua bellissima vettura. Viene però presentato come inglese, a me pareva sudafricano...(pur con l'accesso al sito col mio nome, Luca Borgia, usato per i commenti che abitualmente faccio sul blog di Cavicchi, il forum ha preteso che modificassi il nickname. Boh. I trattini erano un esperimento)
     
  14. pilota54

    pilota54 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238716864
    Messaggi:
    37.313
    Piaciuto:
    8.478
    Gordon Murray è nato in Sud-Africa (con origini scozzesi) nel 1946 ma vive e risiede in Inghilterra dal 1969. In effetti come luogo di nascita hai ragione. Ci ha anche vissuto i primi 23 anni di vita, non poco.

    Nel numero di settembre personalmente ho trovato interessanti, oltre ovviamente all'intervista a Gordon Murray, anche: la prova della Toyota Yaris Hybrid 2020, la prova della Mini JCW GP, le impressioni di guida della Fiat 500E. Ci sono anche le impressioni della Ferrari Roma.
    Poi leggo sempre le vetture che usciranno nei prossimi 12 mesi e le immatricolazioni dell'ultimo mese disponibile.
     
    Ultima modifica: 18 Settembre 2020
  15. palomeno

    palomeno

    Iscritto:
    1268930231
    Messaggi:
    49
    Piaciuto:
    9
    Il settore della mobilità sta cambiando in fretta e radicalmente. Le auto si somigliano sempre di più, e sono poco divertenti da guidare, i giovani sono poco interessati all'auto e alla patente, e ci si sta muovendo verso una mobilità più (apparentemente) sostenibile. Fa bene il direttore a studiare nuove rotte per questa storica rivista. Credo che di fronte all'epocale cambiamento del mercato non si possa nascondere la testa sotto la sabbia, ma ho qualche dubbio sulla sopravvivenza di una rivista generalista come quattroruote. Per gli appassionati di motori a scoppio e velocità ci sono riviste più di nicchia come ruoteclassiche, evo, youngtimer.
     

Condividi questa Pagina