Quando l'auto è (anche) etica

Quando l'auto è (anche) etica - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. gianlucapellegrini

    gianlucapellegrini Direttore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1399891177
    Messaggi:
    171
    Piaciuto:
    67
    Sul prossimo Quattroruote troverete una prova quantomeno inusuale: la BMW Active Tourer dotata del piccolo tre cilindri benzina e arricchita di una bici a pedalata assistita elettricamente. Un modo diverso di intendere la mobilità, che la Casa di Monaco sembra perseguire con inusitato puntuglio, a giudicare dai tanti progetti portati avanti (e non mi riferisco soltanto alla famiglia delle i, ma anche a tante idee sulle città del futuro e su come integrare propulsioni alternative in un quadro funzionale più ampio). Le case automobilistiche - chi più chi meno - stanno allargando il loro campo d'azione a territori che con la vendita di macchine hanno poco a che vedere, in ossequio a una missione sociale più ampia e, a ben vedere, più etica: è la social responsability, istanza solo apparentemente aleatoria ma che contribuisce a creare il profilo di un'azienda al di là degli utili. E mi piace citare nuovamente la BMW per un'iniziativa lodevole: si chiama SciAbile ed è una scuola di sci per persone con disabilità varie la cui sede è a Sauze d'Oulx, in Piemonte. L'attività prosegue da 12 anni e ha consentito a 800 persone di affrontare l'emozione della neve e della discesa. La BMW si fa carico di tutto, dal costo degli istruttori fino all'attrezzatura, che prevede stabilizzatori, monosci, bisci, slitte e così via. Parlando con i maestri si capisce la passione che ci mettono per superare i tanti ostacoli che un handicap pone agli intenti sportivi. Ripeto, c'entra poco con le automobili. Ma ammetto che seguire un non vedente, guidato via radio e altoparlante da un insegnante, mentre scende con sicurezza è esperienza di straordinaria umanità.
     
  2. JessyJames2009

    JessyJames2009

    Iscritto:
    1403871220
    Messaggi:
    1.586
    Piaciuto:
    127
    Ovviamente fa parte del marketing, e BMW si sta impegnando fortemente da questo punto di vista nel migliorare la percezione della gente nei suoi confronti dal punto di vista della sostenibilità (le auto inquinano: con la bici puoi limitare ancora di più la CO2), e soprattutto queste iniziative etiche hanno sempre un gran ritorno...Detto questo, magari lo facessero tutti...
     
  3. skid32

    skid32

    Iscritto:
    1238578874
    Messaggi:
    3.847
    Piaciuto:
    20
    sarei curioso di sapere il parere dei possessori degli n47 (vedasi catene) riguardo all'etica :rolleyes:
     
  4. andrea-86

    andrea-86

    Iscritto:
    1405960275
    Messaggi:
    420
    Piaciuto:
    0
    per fortuna la catena di una bicicletta si cambia con pochi euro e 5 minuti di lavoro :D
     
  5. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    29.553
    Piaciuto:
    1.886
    beh proprio pochi ? non direi, dipende dalla catena e anche in 5 minuti dipende... tra deragliatori in caso di cambi e somntaggio carter e ruota e ferni nel caso di vecchie bici...
     
  6. U2511

    U2511

    Iscritto:
    1381913958
    Messaggi:
    10.246
    Piaciuto:
    2.175
    Presente :twisted:

    Non posso rispondere, perché sarei censurato anche in un ambiente di scaricatori di porto :evil: (tra l'altro, con dispiacere, un punto di penalità anche alla rivista che ci ospita, che sulla questione si era limitata ad un "difetto del mese" (settembre 2009) per altro molto "accomodante" verso il produttore, quando invece le unità così motorizzate se di certe annate fanno difficoltà addiritura ad essere ritirate in permuta). La critica all'etica di Monaco, in questo, non è rivolta tanto all'assistenza fornita alla clientela "fedele" al service, quanto alla diciamo "carente comunicazione" (MB, al contrario, è stata esemplare ed ha fatto scuola sull'altra nota vicenda, iniettori piezo Deplhi su OM651).

    Mi scuso dell'O.T. ma ci ho scritto qualche riga solo per motivare la mia modesta opinione su questi eventi Bmw: mere operazioni di facciata politically correct.
     
  7. skid32

    skid32

    Iscritto:
    1238578874
    Messaggi:
    3.847
    Piaciuto:
    20
    riguardo all'etica.....suggerisco una prova alla rivista...

    fate una prova sulle emissioni fuori ciclo.....
    ho idea che molte case fuori ciclo siano poco etiche
    d'altronde anche la ue sta valutando di provare le emissioni in real driving
     
  8. gianlucapellegrini

    gianlucapellegrini Direttore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1399891177
    Messaggi:
    171
    Piaciuto:
    67
    Perdonate: stiamo parlando di disabili e del loro coinvolgimento in un'attività sportiva grazie a una casa automobilistica. Che c'entra il difetto di un motore e le norme che ne regolano l'eventuale riparazione? Posso capire lo sconcerto; o addirittura l'arrabbiatura; ma francamente mi sembra incredibile che, visto lo spunto, non si comprenda la totale inopportunità di andare off topic in questo modo.
     
  9. dubbioso80

    dubbioso80

    Iscritto:
    1309385714
    Messaggi:
    1.484
    Piaciuto:
    3
    a me pareva si stesse parlando di bmw
     
  10. U2511

    U2511

    Iscritto:
    1381913958
    Messaggi:
    10.246
    Piaciuto:
    2.175
    Gentile Direttore,
    mi perdoni lei: avevo capito,e non solo io, che si parlasse dell'etica di un costruttore, nella specie di Bmw, e nel caso particolare della indubbiamente meritoria azione a favore dei disabili. Fermo restando il plauso corale all'azione in oggetto, una visione globale dell'etica del costruttore ci fa esprimere l'opinione che si tratta di mera operazione di facciata (perché lo stesso costruttore mantiene, per così dire, diversi approcci etici a seconda della convenienza o meglio del costo dell'approccio etico: etica commerciale, etica ambientale, etica sociale).
    Ero davvero tanto off topic?
    E' così fastidioso leggere che più di uno ritiene che le finalità di certe azioni siano meno nobili di quanto si voglia dare a intendere?
     
  11. Ilavoratoridellanotte

    Ilavoratoridellanotte

    Iscritto:
    1389881803
    Messaggi:
    279
    Piaciuto:
    0
    Essere etici facendo industria è dura. Più facile muovere le pedine del marketting che talvolta riescono a coprire entrambi i ruoli (sforzo sociale e ritorno economico) ed altre no. Non giudico il caso specifico ma in campo automobilistico sono pochi i costruttori che stanno lavorando a strutture organizzative di ampia valenza etica adoperandosi effettivamente per mitigare gli effetti su ambiente e società.
     
  12. economyrunner

    economyrunner

    Iscritto:
    1370078749
    Messaggi:
    6.232
    Piaciuto:
    1
    Sono due iniziative certamente lodevoli e soprattutto concrete.
     
  13. rosberg

    rosberg

    Iscritto:
    1238528159
    Messaggi:
    22.312
    Piaciuto:
    321
    Son sempre dell'idea che ciascuno debba fare il proprio mestiere.
    Una volta alle poste si spedivano lettere e pacchi, oggi ci puoi comprare telefonini, libri, autoradio e tra un po' forse pure frigoriferi...infatti quanto caspita di gente compra questa roba alle poste?

    La gente non è scema (spero) e quando capirà l'inutilità di tali proposte probabilmente non comprerà né la macchina né la bicicletta...anche perché a far passare una iniziativa come lodevole son capaci in molti nonostante non credo sia a buon mercato...
     
  14. economyrunner

    economyrunner

    Iscritto:
    1370078749
    Messaggi:
    6.232
    Piaciuto:
    1
    Sull'esempio di Poste Italiane sono d'accordo, quelle sono politiche commerciali un pò da strumenti a fiato, per spingere sui finanziamenti.
    Ma nel caso in topic non vedo come delle iniziative a favore dell'ambiente e del sociale possano inficiare sulla qualità del prodotto.
    Se la politica industriale, i progetti, la componentistica hanno dei problemi li possono avere a prescindere da queste iniziative.
    Sono due aspetti "etici" diversi, IMHO.
    Adriano Olivetti non era un fesso, anzi.
     
  15. maddeche!

    maddeche!

    Iscritto:
    1301141403
    Messaggi:
    13.653
    Piaciuto:
    1.940
    L'iniziativa sciistica (in effetti sci e snowboard) di SciAbile patrocinata da BMW é di per sé, indipendentemente dalle motivazioni più o meno schiette, encomiabile.
    Ho avuto occasione - parecchio tempo fa - di seguire un reportage televisivo dedicato all'iniziativa, e ne sono rimasto affascinato.
     

Condividi questa Pagina