Puntata di Report del 12.5.2014

Puntata di Report del 12.5.2014 - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. gianlucapellegrini

    gianlucapellegrini Direttore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1399891177
    Messaggi:
    164
    Piaciuto:
    61
    Buongiorno a tutti. In prima cosa, grazie a tutti per le risposte: mi par di capire che, a parte qualche eccezione, chi naviga sul sito - e nel forum - legga anche il giornale. Buono a sapersi.
    Oggi, invece, vorrei discutere con voi della puntata di Report (Rai 3) di ieri sera. In cui si è parlato delle multe e di come gli sconti introdotti l'anno scorso per il pagamento in via breve (entro 5 giorni) stiano incidendo negativamente sui bilanci dei comuni. Ora, mi sembra curioso che una norma accolta da tutti come un segno di civiltà, in un Paese dove le contravvenzioni sono una fabbrica gestita dalle amministrazioni locali per fare cassa (Milano=2,4 milioni di multe l'anno; Roma=2,1, sempre l'anno), ora sia bollata come un fiasco. Non solo: i comuni - e dare voce solo a loro dà il senso di un servizio a tema, in cui le interviste vogliono dimostrare l'assunto iniziale - subito minacciano di alzare altri tributi per compensare i mancati introiti delle sanzioni. Addirittura, l'ineffabile assessore alla Sicurezza di Milano Marco Granelli è arrivato a dire che per coprire l'ammanco "si vedranno costretti" ad aumentare il numero delle multe elevate. Ora, il vero problema non è lo sconto, che è una misura sacrosanta e perfettamente coerente con il periodo di crisi: semmai, è che chi non pagava le multe prima (tanti, tantissimi) continua a non pagarle ora. Allora, cari comuni, datevi da fare e inseguite davvero chi appallottola il verbale e lo butta nel primo cestino. Altrimenti, ricadiamo nel paradosso delle tasse: si rinuncia a combattere evasione ed elusione, facendone pagare le conseguenze sulle categorie che hanno sempre versato fino all'ultima lira. E un'altra cosa: invece di piangere miseria, spettabili amministrazioni locali, iniziate a dirci quanto degli introiti delle contravvenzioni viene reinvestito nella sicurezza stradale, come recita il Codice della strada.
     
  2. suppasandro

    suppasandro

    Iscritto:
    1256376356
    Messaggi:
    4.327
    Piaciuto:
    244
    Direttore siam sempre li, qui sul forum spessissimo si parla di leggi e cose simili....siamo un paese amministrato da pagliacci....Dio solo sa che gli passa nella testa, anche se valutando le scelte effettuate mi vien da dire ragionino con un'altra parte del corpo (inizia con C, finisce in O - 4 lettere)...x la questione del reinvestire i soldi, credo sia uguale da ogni parte d'italia io credo nn superi il 20% degli introiti e se si fa notare queste cose la risposta è che il comune nn ne può nulla, ma è colpa dei tagli giù a Roma, a Roma dicono che è colpa dell'europa... è un po' come x il superbollo....altro colpo di genio...
     
  3. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    28.908
    Piaciuto:
    1.719
    Bentrovato direttore,

    mi stupisce la frase, che recita pressapoco "ci vedremo costretti ad aumentare il numero delle contravvenzioni", non capisco davvero... ci sono contravvenzioni che non vengono elevate pur in caso di violazioni riscontrate (ed è decisamente censurabile) o verranno estesi verbali anche contro chi non ha commesso nessuna infrazione (ancor peggio)?
     
  4. gianlucapellegrini

    gianlucapellegrini Direttore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1399891177
    Messaggi:
    164
    Piaciuto:
    61
    La frase esatta di Granelli è stata: "Stiamo cercando di aumentare i servizi sui divieti di sosta, passi carrai, passaggi pedonali, doppie file, parcheggi sui marciapiedi". Dove per servizi si intendono le contravvenzioni.
     
  5. U2511

    U2511

    Iscritto:
    1381913958
    Messaggi:
    8.991
    Piaciuto:
    1.603
    Riporto una mia recente esperienza.
    A fine Aprile, di domenica, mi sono recato in quel di Bologna per una mostra.
    Eravamo in cinquie su una sola vettura (quindi politicamente corretti), tempaccio brutto, il mio navigatore, "colpevolmente" non aggiornato, mi ha portato verso il centro, ma non mi indicava i parcheggi. Ho visto le segnalazioni della ZTL, che ovviamente non ho voluto infrangere. Uno degli ospiti aveva pure qualche difficoltà di deambulazione, cercavo dei parcheggi a pagamento (posto che, ovviamente, le striscie blu erano tutte occupate in quanto gratuite per la festività). In diverse città, anche alla prima visita, è facile individuare ampie indicazioni su dove andare a parcheggiare. A Bologna non sono stato capace di trovarle (cambierò oculista).

    Bene, a farla breve, ad un certo punto mi sono trovato infilato in una stradina secondaria a senso unico, da cui, per uscire, o dovevo infrangere il senso unico, o dovevo passare sotto le famigerate telecamere.

    Ho preferito passare sotto le telecamere piuttosto che rischiare di conivolgendo in un potenziale incidente altri incolpevoli automobilisti. Un paio di giorni dopo ho telefonato al call center del Comunen espondendo il caso e chiedendo la notifica diretta (cioè autodenunciandomi, non intendevo certo pietire un'indulgenza) per evitare almeno le onerose spese di notifica (sappiamo bene quanto le amministrazioni ci lucrino su un servizio che a loro costa nulla o quasi). "Mi spiace non è possibile, perché solo la notifica fatta dalla Polizia locale dà valore giuridico all'atto" :shock: In ogni caso non sono in grado di aiutarla ora, perché passano mediamente 20-30 giorni dall'infrazione prime che le foto di quel giorno vengano controllate"

    Alla fine, giusto o sbagliato che sia, ho avuto la netta netta percezione che quella amministrazione, più che prevenire l'accesso a zone centrali, utilizzi il sistema per far cassa, anche con le famigerate "spese di notifica". Pagherò il giorno stesso della notifica con la riduzione del 30%, ma a Bologna non ci torno più e non ci lascio nemmeno 10 centesimi. Ho già dato.
     
  6. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    28.908
    Piaciuto:
    1.719
    nulla da eccepire su divieti di sosta, attraversamenti pedonali (sacrosanti specie per passeggini e disabili, ed ovviamente marciapiedi e doppie file, ma una riflessione mi sovviene: molti hanno passi carrai "personali" che spesso sono occlusi da soste selvagge. Per autodifesa parcheggiano contravvenendo al codice davanti al proprio passo per non venire "sequestrati" in attesa di rilascio. Queste persone vengono sanzionate, ma se non ostruiscono il normale transito nella sede stradale, davvero meritano sanzioni o semplicemente si tutelano parcheggiando sul "proprio passo" e così liberano un altro posto diversamente collocato che resta a disposizione della collettività?
     
  7. mdlbz

    mdlbz

    Iscritto:
    1399995153
    Messaggi:
    5
    Piaciuto:
    0
    Report ha dimostrato che:

    - lo sconto ha causato un calo delle entrate da contravvenzioni in quanto chi pagava subito, paga subito ora, gli altri continuano a non pagare
    - lo "sconto" è una trovata italiana e, salvo errori, non mi risulta esserci in altri Paesi europei, le dichiarazioni dell'inventore della norma erano talmente surreali ed imbarazzanti che mi chiedo come possa siedere sullo scranno parlamentare
    - è emerso chiaramente e senza equivoci che si fanno contravvenzioni per fare cassa, lo si sapeva, ma ora ne abbiamo più che certezza a sentire le dichiarazioni dei vari assessori che si concentrano sulle "contravvenzioni facili", la prevenzione è davvero rimasta per strada
    - ennesima figuraccia del ministro Lupi, che si dimostra all'altezza del suo alter ego Alan J. Harper della sitcom "Two and a Half Man", che afferma di avere "altri dati", quindi, caro ministro, li tiri fuori i dati!
    - ennesima conferma di come in talune città si sia del tutto incapaci di incassare le contravvenzioni e qui si apre una voragine...
    - "quanto degli introiti delle contravvenzioni viene reinvestito nella sicurezza stradale, come recita il Codice della strada": se non erro è stabilito dal CdS, quindi coloro che utilizzano il "tesoretto" delle contravvenzioni oltre tale quota, potrebbero, anzi dovrebbero essere bacchettati sia dai revisori dei conti in sede di approvazione dei bilanci comunali consuntivi sia da parte della Corte dei Conti. E' mai stato fatto? Ne dubito seriamente.
     
  8. U2511

    U2511

    Iscritto:
    1381913958
    Messaggi:
    8.991
    Piaciuto:
    1.603
    perdonami, al contrario è la norma, con alcune differenze significative:
    - di solito ti beccano in flagrante e te la contestano sul posto, così che possono valutare eventuali "giustificazioni", e se non paghi subito pronta cassa, la sanzione radoppia o anche quadruplica
    - proprio con la contestazione immediata, puntano all'obiettivo di dissuadere e prevenire
     
  9. hector

    hector

    Iscritto:
    1400006289
    Messaggi:
    2
    Piaciuto:
    0
    Risultati ovvi per una normativa "surreale".
    Innanzi tutto si parla di Multe, ovvero sanzioni, punizioni, per non aver rispettato una legge (giusta o sbagliata che sia).
    La multa appena notificata è quindi già di per se un pagamento "scontato", se si ritarda arrivano le altre sanzioni, perchè applicare presunti "sconti" non siamo mica al supermercato !
    Passando al lato pratico, era ovvio che coloro che Non vogliono o Non possono, la multa non la pagano comunque, anche scontata, mentre la geste "onesta" e/o che può pagare la multa ovviamente approfitta dell'occasione: in definitiva era lecito aspettarsi che ben pochi "non pagatori" si sarebbero convinti a pagare (perchè comunque non pagano per principio o per necessita), mentre la stagrande maggioranza dei "pagatori" avrebbe approfittato dell'opportunità; conseguenti i disastrosi risultati.

    Bene, ora ci manca qualche genio ammistratore che proponga il pagamento delle multe 3x2 , La meno cara non la paghi eccetera, strateghi del marketing sulla pelle altrui !
     
  10. Alosqualo

    Alosqualo

    Iscritto:
    1239094522
    Messaggi:
    1.891
    Piaciuto:
    468
    Intanto saluto Gianluca! Preferisico chiamarti col nome proprio e darti del tu. Tutti questi "egregio Direttore" mi paiono un po' fuori moda, vecchio modo tutto italiano che ha la gente comune di rapportarsi con chi ricopre cariche di rilievo, derivato probabilmente dal vassallaggio medioevale che é sfociato poi nel clientelismo mafioso. In un forum parliamo fra appassionati di auto, siamo tutti sullo stesso piano a mio avviso.
    Ma basta divagare..... :oops: :rolleyes:

    Mi chiedo perche deve essere criticato un provvedimento che una volta tanto (e sono davvero poche le volte in cui ciò succede in Italia) aiuta gli onesti: chi paga subito (e quindi paga!), paga meno! PERFETTO!

    Che poi le entrate siano minori, era ampiamente preventivabile e preventivato. Probabilmente si é previsto di aumentare le risorse volte al recupero crediti, e forse si sperava che qualcuno in più avrebbe deciso di pagare visto lo sconto.

    Il problema quindi non sta in questa legge, ma sta nel non recuperare "a bastonate" i soldi da chi é recidivo e volontariamente non paga in quanto quasi certo di vincere la battaglia alla lunga.
    Questo é quello che dobbiamo criticare e dove i Comuni devono battere.

    Per chi ha difficoltà a pagare, la multa deve servire certamente come lezione per evitare errori in futuro, ma dovrebbe anche fornire la possibilità di un pagamento rateizzato con interessi minimi.

    Apro e chiudo una parentesi: non avrebbe molto piu senso introdurre, come in Svizzera, le multe con importi scaglionati in base al reddito? è vero che siamo tutti uguali (solo IN TEORIA) davanti alla legge, ma é giusto che per un calciatore, un ricco ereditiero, un imprenditore di successo 200 ? di multa siano come per i comuni cittadini pagare un pacchetto di sigarette? che interesse avranno di non parcheggiare in seconda fila o nel posto per diversamente abili? Forse cambierebbe poco se la multa fosse 2.000 ? per questi signori dal 740 esuberante, ma almeno le casse dello stato starebbero un po meglio :!:
     
  11. gianlucapellegrini

    gianlucapellegrini Direttore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1399891177
    Messaggi:
    164
    Piaciuto:
    61
    Comprendo l'idea, ma da noi non funzionerebbe. In Svizzera le tasse le pagano tutti (o quasi). Da noi, evasione ed elusione sono un fenomeno endemico e di 740 esuberanti se ne vedono pochini in giro. Finirebbe che a pagare di più sarebbero i soliti, ovvero lavoratori dipendenti e pensionati, i cui redditi sono certi e tassati alla fonte.
     
  12. Alosqualo

    Alosqualo

    Iscritto:
    1239094522
    Messaggi:
    1.891
    Piaciuto:
    468
    se, per esempio, si ponesse il valore delle multe attuali valido per un reddito fino a 100.000 ? annuo, credo che impiegati e pensionati (non quelli d´oro... :D ) sarebero ampiamente dentro e non cambierebbe nulla.
    Poi fino a 150.000 ? + 30%
    fino a 200.000 ulteriore +30% e via cosi...

    Ovviamente prima di tutto sarebbe ovviamente opportuno che i 740 venissero controllati, per evitare casi in cui l´impresario risulta guadagnare 10.000 ? lordi all´anno, molto meno dei suoi dipendenti, ma gira in Bmw X6 !
     
  13. keyone

    keyone

    Iscritto:
    1238711761
    Messaggi:
    6.600
    Piaciuto:
    239
    Dalla puntata di Report , che personalmente non ho visto , raccontata dal Direttore come non obiettiva rispetto al problema multe e bilancio dei comuni , emerge chiaramente la malcelata volontà di far cassa a danno dei cittadini automobilisti . Scopo principale del controllo del traffico e della sosta nelle aree urbane dovrebbe essere invece quello della sicurezza e piena agibilità degli utenti della strada , siano essi pedoni , ciclisti , motociclistici , veicoli di trasporto pubblico o - perchè no? - automobilisti . Il finanziamento dei comuni , in questa prospettiva dovrebbe essere solo " l'effetto collaterale " della suddetta cura e controllo del benessere dei cittadini . Invece in Italia la multa salva ( ? ) bilancio fa la parte del leone e così si spiegano le reazioni agli sconti , oggetto di questo topic o addirittura all'ammutinamento di molte amministrazioni comunali di fronte ai diktat sulla sosta in aree blue che non può essere multata come divieto , bensì solo conteggiata come pagamento insufficiente -
    Ancora una volta si assiste ad un uso improprio di multe e sovratassazioni - vedi recente aumento delle accise sui carburanti - a danno del solito limone da spremere : il cittadino che usa - o ama- l'automobile . Sarebbe ora invece di avere un atteggiamento meno settario e più laico verso una componente della società fondamentale , anche perchè a turno come trasportati , come guidatori , come familiari , come clienti di taxi o car sharing o car pooling , tutti , ma proprio tutti ne facciamo parte !
     
  14. FAUST50

    FAUST50 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238607223
    Messaggi:
    14.980
    Piaciuto:
    1.960
    Vorrei formulare un ipotesi(irrealistica)se tutti improvvisamente dovessero rispettare il codice della strada mi dite dove andrebbero a prendere i soldi le amministrazioni comunali?
    cosa si potrebbero inventare per turlupinare gli utenti della strada mah!meglio non pensarci caro Gian Luca :D
     
  15. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    28.908
    Piaciuto:
    1.719
    Caro Faustone, mi cavi le parole di bocca... troverebbero un altro sistema... come mi ricordo facevano a me quando ero AUC, un modo per punirti lo trovavano se avevano deciso...
     

Condividi questa Pagina