Il paradosso elettrico: quanto costa essere puliti

Il paradosso elettrico: quanto costa essere puliti | Pagina 63 - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. a_gricolo

    a_gricolo

    Iscritto:
    1238534943
    Messaggi:
    61.788
    Piaciuto:
    10.760
    ....da cui bisogna detrarre la quota biomasse, che ora non ricordo ma mi sembra superiore al 10.
     
  2. cunctator

    cunctator

    Iscritto:
    1572198985
    Messaggi:
    14
    Piaciuto:
    4
    Ma perchè continuare a discutere sui pregi e difetti delle auto a batteria quando già sappiamo che, almeno per un po', le batterie costeranno molto e richiederanno l'installazione di frequenti colonne di ricarica e faranno perdere ore di tempo per ricaricarle ? I tempi persi hanno un costo non trascurabile. Le colonnine di ricarica pure. Le batterie pure, oltre a renderci dipendenti dalla Cina.
    Per me, ancora adesso, la soluzione per evitare le emissioni di CO2 è: estendere le fonti di energia rinnovabili, usarle per produrre idrogeno, combinare l'idrogeno con CO2 di recupero per sintetizzare carburanti come il metanolo da bruciare nei motori termici, sviluèppare motori ibridi (come quello della Honda Jazz, con consumi ridotti.
    Non c'è niente di meglio della termodinamica
     
  3. cunctator

    cunctator

    Iscritto:
    1572198985
    Messaggi:
    14
    Piaciuto:
    4
    E se vogliamo andare più in là, la batteria tampone dell'auto potrebbe crescere e diventare una sorgente di energia per la casa, caricata dal motore o dalla rete esterna o da un a fonte di energia non rinnovabile. Una integrazione della rete domestica con la betteria dell'auto è una di quelle prospettive che si stanno studiando.
     
  4. a_gricolo

    a_gricolo

    Iscritto:
    1238534943
    Messaggi:
    61.788
    Piaciuto:
    10.760
    Peccato che sia un'integrazione a senso unico. La batteria dell'auto per definizione arriva a casa scarica la sera e deve essere carica la mattina dopo, quindi in teoria ci può essere uno "scambio sul posto" tra auto e abitazione, ma di fatto ciò avviene in maniera unidirezionale.
     
  5. cunctator

    cunctator

    Iscritto:
    1572198985
    Messaggi:
    14
    Piaciuto:
    4
    Comunque io resto convinto che se qualche imprenditore si mettesse Se si riuscisse, come giò si sa fare, a sintetizzare un carburante liquido (es. metanolo) da CO2 estratta dall'atmosfera e da idrogeno prodotto per elettrolisi da fonti di energia rinnovabili, quel carburante troverebbe subito utilizzo nei motori termici attuali. Facendo 4 conti, il metanolo sintetico avrebbe un rendimento energetico accettabile rispetto all'idrogeno elettrolitico. E anche se costasse di più della benzina (magari con uno sconto statale) troverebbe subito dei clienti fra gli ambientalisti delusi dall'attesa delle auto a batteria e delle colonnine e dai tempi di ricarica delle batterie. (che per me saranno la causa del loro abbandono). I motori termici per me saranno ancora usati per molto tempo. (Ora farò quattro conti per avere dei dati. Sono ingegnere chimico e so farli)
     
    A andreaci75, Guastatore1986, a_gricolo e 1 altro utente piace questo messaggio.
  6. cunctator

    cunctator

    Iscritto:
    1572198985
    Messaggi:
    14
    Piaciuto:
    4
    ... e pensare che non ci sarebbero problemi di riconversione se nei motori si bruciassero carburanti prodotti direttamente con l'energia solare, come il gasolio verde.
    Ma i motori diesel sono proibiti...
     

Condividi questa Pagina

// outbrain