Il paradosso elettrico: quanto costa essere puliti

Il paradosso elettrico: quanto costa essere puliti | Pagina 42 - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. mazzol

    mazzol

    Iscritto:
    1240362086
    Messaggi:
    267
    Piaciuto:
    13
    Scusa ma non ho capito, nello scrivere che potrebbe servire avere in famiglia due auto ... di cui una in città pensavo a chi (Tu forse) qualche pagina fa mi scriveva "4R è nato per vendere auto" o qualcosa di simile .. ho recepito il concetto, non le parole esatte.
    Due auto a disposizione possono essere anche a noleggio ... basta integrarsi in modo efficace nel sistema che favorisce questa scelta.
     
  2. a_gricolo

    a_gricolo

    Iscritto:
    1238534943
    Messaggi:
    54.025
    Piaciuto:
    7.021
    Ma per carità di Dio.......
     
  3. Guastatore1986

    Guastatore1986

    Iscritto:
    1249685386
    Messaggi:
    5.998
    Piaciuto:
    590
    Senti, mi spiego: Io come potrei avere tranquillamente due auto in un mondo del lavoro che ti chiede se sei automunito anche quando il luogo dove ti guadagni la pagnotta è sufficiente avere come mezzo di locomozione i tuoi arti inferiori? Se io avessi ancora i genitori che fanno i turni e io lavorassi, mi spieghi, se lavoro lontano da casa, come potrei fare? Noleggio poi.... Lo dici a qualcuno che ha ancora i genitori che non hanno mai provato una vettura prima di acquistarla per paura di combinare qualcosa e finire nei guai
     
  4. gino latino

    gino latino

    Iscritto:
    1480606659
    Messaggi:
    7
    Piaciuto:
    3
    Buongiorno a tutti,
    volevo solo aggiungere una considerazione "terra-terra"..
    Quando si parla di costi del consumo di una vettura full-elettrica paragonandoli a quelle con motori termici, secondo me si cerca di abbindolare chi legge.
    Mi spiego , una vettura percorre tot Km con un litro di benzina o gasolio ... che costano alla pompa ( indifferentemente se self-service o servito) tot euro a litro (finito/completo). Quando invece si scrive dei costi dell'energia elettrica per ricaricare una autovettura , e parliamo da un impianto privato , ... si vedono riportare dei costi assurdamente BASSI e non veritieri.
    Tralasciando che ancora a parer mio in una città come Roma , se uno non ha la villetta, un box o almeno un parcheggio condominiale coperto, la vedo difficile tirare giù dalla finestra ( magari dall'8° piano) una prolunga elettrica , poi sempre ammesso di trovare posto "sotto casa".... se prendiamo semplice una bolletta elettrica qualsiasi bimestrale , togliendo la tassa Rai, basta dividere i l totale per i Kw consumati e si ha l'effettivo costo .
    Non si può prendere il solo costo indicato del Kw. Bisogna aggiungere tutte le voci che ci fanno pagare ; Spese per il trasporto energia ; Spese per gli oneri del sistema; Imposte e IVA. la somma di quest'ultime ammonta al più del solo costo energia .
    ..e scusi direttore.. ma in qualche articolo di comparazione , questo errore è fatto anche dalla Redazione di QUATTRORUOTE.
    Grazie e saluti
     
  5. mazzol

    mazzol

    Iscritto:
    1240362086
    Messaggi:
    267
    Piaciuto:
    13
    Ti consiglio di non passare all'elettrico.
    Oggi non è adatto a tutti, essenzialmente serve una forte volontà a desiderare un qualcosa che ancora non gode di un servizio consolidato.
    L'italia ... popolo di navigatori ... che prendono tre caravelle e vanno avanti a scoprire un nuovo mondo (oppure vanno in Cina e portano in europa la peste ...) alcuni oggi si avventurano per lungo viaggio con una vettura elettrica ... qualcuno bisogna che apra la strada, non tutti sono propensi a farlo.
    Come mia personale opinione amo l'elettrico (anche se probabilmente non vi arriverò) perché una vettura elettrica ... come la vedo io ... non utilizza il petrolio ma le rinnovabili.
    Oggi non è così anche in queste pagine si considera esclusivamente l'autonomia ... garantita da centraline in grado di fornire in poco tempo tantissima energia generata da centrali
    (nucleari ... solo a quelle pensano ... perché necessitano di grossi investimenti e manipolando grosse somme qualcosa resta sempre attaccato ... perché nei 50 anni di esercizio generano tanta energia di continuo e per lo smaltimento servono ancora tanti soldi .... ma li cacceranno altri)

    Io vedo invece esclusivamente energia rinnovabile a costo zero e sistemi di accumulo nelle case e nelle auto governate da un sistema di contabilizzazione basato sullo scambio (parcheggio sotto casa tua e carico la mia vettura con la tua corrente mentre tu carichi con la corrente di un altro ed alla fine qualcuno si caricherà usando la mia)
    Ps. Un qualcosa di simile esiste già .... un consorzio di produttori in grado di vendere la corrente generata su un speciale mercato dell'energia.
     
  6. a_gricolo

    a_gricolo

    Iscritto:
    1238534943
    Messaggi:
    54.025
    Piaciuto:
    7.021
    In realtà, la peste l'hanno portata direttamente nel nuovo mondo gli europei (chiedere a Montezuma e suoi amministrati per informazioni).
     
  7. Guastatore1986

    Guastatore1986

    Iscritto:
    1249685386
    Messaggi:
    5.998
    Piaciuto:
    590
    Peccato che per queste ultime cose si debbano mettere a posto tante case e tante strade perché si faccia quello che dici te.
     
  8. mazzol

    mazzol

    Iscritto:
    1240362086
    Messaggi:
    267
    Piaciuto:
    13
    Il lucro .... non può continuare a dominare ogni azione.
    Bisogna rendersi conto che va cambiato l'obiettivo, il guadagno non ha limite ... è irraggiungibile se si punta al guadagno non si raggiunge mai l'obiettivo ... si può sempre fare meglio.
    Bisognerebbe fare un passo indietro, l'obiettivo deve tornare ad essere il pareggio o una lieve perdita ... e questo si può fare ...

    (basta tassare il guadagno ... mia libera interpretazione della riforma fiscale di Roosevelt)

    E se si costruisce "esercitando le funzioni nell'interesse esclusivo della Nazione" senza buttare via i quattrini .. si possono mettere a posto tante case e strade ..... si può fare.
     
  9. Guastatore1986

    Guastatore1986

    Iscritto:
    1249685386
    Messaggi:
    5.998
    Piaciuto:
    590
    Scusa ma tu pensi che io abbia pensato solamente ai soldi? Per fare quello che hai detto tu bisognerebbe rivoltare come calzini varie infrastrutture e immobili a cominciare dalla propria casa tra cui la revisione dell'impianto elettrico domestico e farsi rifare il pavimento della propria autorimessa, pensando alla ricarica a induzione (peggio è in un condominio: tutti devono essere d'accordo per i lavori che devono essere fatti a cominciare dal montare sul tetto dei pannelli fotovoltaici in grado di dare energia a tutte le famiglie). Riguardo al lucro, me li dai tu, o la mamma e il papi di Greta, i soldi per comprarmi una macchina elettrica? Dubito che, in questo lungo periodo di incertezze, la gente abbia i soldi per comprarsi qualcosa di costoso quando con meno soldi hai la possibilità di avere qualcosa che in fatto di autonomia mangia una macchina elettrica a colazione, quando sei cresciuto in un mondo che ti ha inculcato che è anche ecologico fare il più possibile strada con un solo pieno di carburante.
     
  10. mazzol

    mazzol

    Iscritto:
    1240362086
    Messaggi:
    267
    Piaciuto:
    13
    Ora non ho tempo ...per documentarre.

    Non è il caso di mettersi al centro di un problema ... che ognuno risolve con decisioni incontrollabili (si fanno tante ipotesi e poi si decide diversamente per motivi inesplicabili.

    È tutto possibile senza problemi, è stato fatto tutto in varie località
    Nulla di nuovo o di impossibile.

    Non invento mai nulla assemblo mentalmente cose che già esistono e funzionano o comunque sono previste da tempo.

    E quando sarà il momento verranno applicate o verranno applicate soluzioni nuove ed oggi totalmente ignote.

    Ciao
     
  11. Gatto del Cheshire

    Gatto del Cheshire

    Iscritto:
    1577126950
    Messaggi:
    11
    Piaciuto:
    5
    (Sono un ingegnere chimico e so di cosa parlo)
    Questa follia dell'auto elettrica in cui ci siamo imbarcati aveva lo scopo di ridurre l'inquinamento dell'aria delle città e, possibilmente, bloccare l'emissione di CO2 che si sta accumulando nell'atmosfera, sta aumentando le temperature con conseguenti disastri meeteorogici, sta facendo sciogliere i ghiacci artici e alzare il livello dei mari.
    Tutto vero, ma il problema si è preso per la coda, pensando di risolverlo con l'elettrificazione delle auto che sono responsabili di una minima frazione delle emissioni di CO2, se si considera anche che l'energia elettrica che dovrebbe essere caricata nelle batterie delle auto è prodotta in maggior parte bruciando combustibili fossili, in tutto il mondo. La conversione totale alla produzione di elettricità da fonti energia rrinnovabili (sole, vento, idroelettrico) costa e richiederà ancora tempo. Non sarà caricando le auto di costose batterie cinesi che si risolverà ancora per moltoo il problema del global warming.
    Posso suggerire una proposta ? Cominciare a pensare a un modo più pratico delle batterie e delle colonnine di ricarica. Usare l'idrogeno come carburante; si può produrre con l'energia elettrica, comprimere in bombole e usare nelle auto con celle a combustibile; è tutta una tecnologia nota e collaudata, non costosa. Un vantaggio fondamentale, la ricarica delle bombole si può fare in tempi rapidi, come per il metano; e nelle stazioni di servizio l'idrogeno verrebbe prodotto (e compresso nei tempi morti), usando l'energia elettrica di rete. Sarebbe una elettrificazione anche questa, senza la necessità di portarsi a bordo quintali di batterie e di perdere ore per ricaricarle.
    L'idrogeno non è una novità; può venire prodotto in qualunque posto senza ricorrere a tecnologie proprietarie, e viene usato già oggi in auto commerciali (es. la Nexo della Hyundai) che hanno dimostrato la grande autonomia permessa dall'idrogeno.
    L'idrogeno non inquina e si può produrre facilmente con tecniche collaudate, anche nei punti di erogazione. E non farebbe dipendere da tecnologie straniere e produrre milioni di tonnellate di batterie, con tutti i relativi problemi ecologici.
     
    A Guastatore1986 e a_gricolo piace questo messaggio.
  12. mazzol

    mazzol

    Iscritto:
    1240362086
    Messaggi:
    267
    Piaciuto:
    13
    Ben arrivato,
    concordo, ma solo in piccola parte.
    Parlando dell'Italia, dalle revisioni biennali risulta che 26 milioni di vetture percorrono 12.000 km all'anno. In media 30 km al giorno.
    Certo la media considera anche chi usa l'auto una volta all'anno per fare un viaggio di 12 mila km e tutti quelli che la usano una volta alla settimana, vuol dire che gli altri hanno una percorrenza minore probabilmente vicino a casa.
    Qui non trovo altre informazioni ufficiali ed azzardo una decisione salomonica 13 milioni fanno pochi viaggi lunghi e gli altri 13 tanti viaggi molto brevi ... per i quali non servono quintali di batterie.
    (Oggi per 100 km servono 150 kg di batterie, ma ne basteranno 30 non fra dieci anni ... ma quest'anno ... e se fossero due moduli da 15 kg, pari a due confezioni di 6 bottiglie da 1,5 lt di acqua minerale caricarle da casa anche con un solo pannello fotovoltaico sarebbe possibile limitando l'inquinamento).

    Come affermi oggi ci si concentra su un problema da ricchi, più che del prezzo del pane ci si preoccupa del prezzo delle ostriche.

    Sapere che uscirà una Ferrari elettrica è importante è un simbolo come una bandiera. È importante sapere che le Tesla hanno un servizio capillare di distribuzione energia, un servizio anche ecologico, che non è detto utilizzi combustibili fossili da bruciare, magari con una sapiente gestione delle batterie che esauste dopo cinque anni in auto possono viverne altri 10/15 come accumulo.
     
  13. Guastatore1986

    Guastatore1986

    Iscritto:
    1249685386
    Messaggi:
    5.998
    Piaciuto:
    590
    Il problema sarà da dove estrarlo.
     
  14. mazzol

    mazzol

    Iscritto:
    1240362086
    Messaggi:
    267
    Piaciuto:
    13
    In uno delle tanti dubbi sorti in passato si è dubitato della possibilità di ricaricare le auto elettriche dai lampioni, con disquisizioni tecniche poco significative visto che trattano di un problema "tecnico" ma che non sono riuscito a confutare.

    Qui una risposta:

    "Un sogno che è diventato realtà a Londra dove un'intera strada è stata convertita per offrire un servizio di ricarica per le auto elettriche."

    https://www.hdmotori.it/auto/artico...G9uUw03nMmhgDYYgMqno4_ZW7gc4TjHHndDwy0eh0lkbk
     
  15. a_gricolo

    a_gricolo

    Iscritto:
    1238534943
    Messaggi:
    54.025
    Piaciuto:
    7.021
    ...e non ci sei riuscito neanche stavolta. Infatti:

    Appunto, la strada è stata convertita....significa che hanno rifatto l'intera rete elettrica sottostante. Quindi il problema rimane: i cablaggi dei lampioni sono fatti per l'assorbimento dei lampioni, a maggior ragione quelli moderni che sono a LED e consumano pochissimo. Convertire i lampioni in punti di ricarica ha un senso perchè sono già presenti lungo la strada e non si aggiungono altri strafanti che ingombrano, ma l'infrastruttura sotto è tutta da (ri)fare.
     
    A Guastatore1986 piace questo elemento.

Condividi questa Pagina