Giornalisti, vil razza dannata

Giornalisti, vil razza dannata - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. gianlucapellegrini

    gianlucapellegrini Direttore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1399891177
    Messaggi:
    164
    Piaciuto:
    61
    Avrete letto le ultime dichiarazioni di Elon Musk (e se non l'avete fatto, ecco dove potete trovarle: http://www.quattroruote.it/news/nuo...tema_per_la_guida_completamente_autonoma.html). Il big boss di Tesla ha annunciato l'arrivo di un nuovo sistema Autopilot, più complesso e raffinato dell'attuale. Nel caso specifico, però, non vorrei soffermarmi sulle sue caratteristiche tecniche e del modo in cui le sue varie funzioni si attiveranno dopo un periodo di apprendistato "ombra", ovvero senza che il guidatore ne abbia contezza. Semmai, mi stupiscono le parole di Musk sui media: "Scrivendo articoli negativi", ha detto amaro verso i giornalisti presenti alla conferenza stampa, "state a tutti gli effetti dissuadendo le persone dall'utilizzo di veicoli autonomi". Ergo, ha concluso, "state uccidendo della gente". Ora, io posso anche essere d'accordo sul fatto che alcuni giornali (soprattutto molti siti web) esagerino nei titoli a effetto. E, conoscendo Musk come l'ho conosciuto, so che lui non ha in simpatia i media (difatti parla soltanto attraverso Twitter: quando però gli servivamo, al momento di costruirsi una credibilità, era lui che ci veniva a cercare). Ciò detto, mi sembra francamente inaccettabile che il capo di un'azienda ammirata globalmente per la propria capacità di innovare ribalti la frittata in questo modo, sbattendola in faccia a chi ha il solo compito di informare il pubblico. L'Autopilot è stato al centro di casi sospetti, che hanno attirato l'attenzione dei mezzi di comunicazione e delle autorità. Qualcuno ha sbagliato nel definire auto a guida autonoma la Model S, d'accordo; e noi, che qualcosa ne capiamo, abbiamo bacchettato i colleghi disattenti o semplicemente inesperti, spiegando che l'oggetto del contendere è un sistema di ausilio alla guida che prevede l'attenzione umana in ogni momento. Ma arrivare a dire che porre il problema sul tavolo, chiedendo nel contempo maggiore chiarezza da parte della Casa stessa (che lascia volentieri intendere che le potenzialità del proprio sistema consentano di fare altro al volante), non equivale a uccidere qualcuno. Anzi, è esattamente il contrario. La funzione della stampa è proprio questa: raccontare storie e vicende, e - se del caso - sensibilizzare l'opinione pubblica verso temi che legittimano prese di coscienza informate. Ho l'impressione che si stia perdendo il senso di che cosa sia l'informazione e di quali siano i suoi compiti.
     
    Ultima modifica: 20 Ottobre 2016
  2. Ex Batri

    Ex Batri Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1354104068
    Messaggi:
    5.007
    Piaciuto:
    638
    Non c'è dubbio che i giornalisti abbiano una grossa responsabilità per quello che scrivono.
    Però non è quello che scrive un singolo giornalista che può condizionare il successo di una nuova tecnologia come questa. Ma se sono più giornalisti a scrive contro una determinata tecnologia, forse hanno ragione nel contestarla e a metterla in dubbio, quindi il loro ruolo è importante.
    Elon Musk non può far ricadere sui giornalisti il successo o meno del suo prodotto e a maggior misura incolparli addirittura delle morti dovute alla mancato utilizzo delle auto a guida assistita, a meno che non voglia ottenere un effetto di risonanza mediatica.
     
    Ultima modifica: 20 Ottobre 2016
  3. NEWsuper5

    NEWsuper5 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1239372328
    Messaggi:
    30.995
    Piaciuto:
    2.814
    Carissimo direttore, concordo in buona parte con quanto scrive sullo sfruttamento della stampa solo come pubblicità gratuita, da gettar via non appena diventi più o meno scomoda.

    Ritengo però che a questo si sia arrivati quando i veri giornalisti non abbiano deciso di tutelarsi da chi fa di tutto per far perdere credibilità alla categoria, come chi pubblica il genere di articoli di cui si parla in questo topic:
    http://forum.quattroruote.it/threads/how-to-oggi-parliamo-di-articoli-sui-giornali.106656/
     
  4. pilota54

    pilota54 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238716864
    Messaggi:
    26.991
    Piaciuto:
    4.796
    Ci sono giornalisti e giornalisti, come in tutte le cose e in tutti i mestieri.
    Mi auguro che in generale non si stia "perdendo il senso di che cosa sia l'informazione".
    Credo che occorrerebbe quanto meno saper selezionare il giornalismo-spazzatura dal giornalismo ben fatto e professionale.

    Nel caso del boss della Tesla, lui tira acqua al suo mulino, ma ovviamente non è giusto tirare acqua al proprio mulino buttando nel frattempo fango su altri.
     
  5. Luca 79

    Luca 79

    Iscritto:
    1243116015
    Messaggi:
    151
    Piaciuto:
    4
    Si vede che pure Musk è uno di quelli che risponde a critiche e osservazioni dando del gufo; mi ricorda qualcuno, in quest'atteggiamento. Per carità, sta rivoluzionando il mondo dell'auto: ma è inevitabile che ci possano essere dei problemi, anche di difficile soluzione in certe cose.
    Per intanto, si tenga pure la sua guida autonoma. Io sto benissimo con la mia Civic, e siccome la prossima versione è brutta assai, starei pensando di fare uno sforzo (fra un paio d'anni, ammesso la producano ancora) e provare a prendere la Focus ST diesel, da 185 cv, con i manuale (unica soluzione da me concepita, altro che guida autonoma). Chissà...
     
  6. NEWsuper5

    NEWsuper5 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1239372328
    Messaggi:
    30.995
    Piaciuto:
    2.814
    Più che "rivoluzionando il mondo dell'auto", mi pare solo uno di quei manager che non sono interessati al prodotto automobile, ma solo ai servizi che possono gestirla. Ovviamente non accetta di essere contraddetto, ma solo apprezzato e pubblicizzato.
    In fondo, servizi a parte, io non trovo nulla di esclusivo riguardo all'auto.
    L'Autopilot non è un'innovazione unica, perchè molti altri costruttori (e non, vedasi Google) sono persino più evoluti, per certi versi. L'auto elettrica esiste da oltre un secolo, le proposte moderne arrivano da molti altri costruttori, che puntano a una diffusione di massa con modelli più economici, anzichè esclusivi e di segmento superiore.
    Ragionandoci un pò mi sono fatto l'idea che abbia in qualche modo sfruttato il sistema auto elettrica a batteria proprio perchè è l'unico sistema di propulsione che può rendere il guidatore non indipendente da una rete di servizi accessori (stazioni di ricarica). La via più semplice per rendere indispensabili opzioni come il noleggio delle auto in luogo della proprietà, vendere magari ale aziende dati riguardo i percorsi e le scelte dei guidatori, ecc....
    Insomma, interesse prioritario nel vendere servizi, non automobili.
     
  7. rickyjungle

    rickyjungle

    Iscritto:
    1401097571
    Messaggi:
    196
    Piaciuto:
    21
    Mi limito ad una considerazione, senza entrare nel merito dell'intera vicenda.

    Musk "vive" di annunci, raccolte ordini, e aumenti di capitale.
    In un mondo di "finanza" nonostante produca vetture (come gli altri del resto).

    Una notizia riportata male, che rimbalza in giro per il mondo potrebbe far cadere il castello in un giorno.

    Se domani 350.000 dei 400.000 omini che hanno prenotato la Model 3, rivogliono la cauzione, perché hanno paura che la macchina "uccida le persone" quello capotta. E magari solo perché una notizia è stata riportata male, e divulgata peggio.

    Questo non toglie che chiunque usa la stampa come meglio crede e che si "arrabbia" se sostanzialmente gestisce le notizie come non piacciono al capo di turno.
     
  8. Tonino91Roma

    Tonino91Roma

    Iscritto:
    1442404941
    Messaggi:
    243
    Piaciuto:
    20
    Di veri giornalisti ce ne sono pochi, ormai sopratutto nel web ci sono solo titoli acchiappa click. La prova più evidente sono i continui titoli in netto contrasto con il contenuto degli articoli stessi.
     
  9. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    28.847
    Piaciuto:
    1.703
    Interessante spunto di riflessione.

    Ascoltando molto radiotre e relative rassegne stampa, è chiaro ed evidente che la carta stampata sta vivendo una crisi epocale, segnata dal passaggio alle nuove piattaforme e formati digitali. Che l'editoria in senso lato non sia più un settore strategico, lo testimoniano le strategie di molte finanziarie, e questo può essere un bene per una stampa che, seppure più povera economicamente (era altrettanto sbagliato che in passato alcuni giornalisti venissero contesi dalle testate a peso d'oro), potrebbe essere più svincolata da esigenze "di testata". Il contraltare è però l' avanzare dei profitti fatti a discapito di lavoratori (giornalisti ed articolisti) sottopagati, se non addirittura da sistemi di scrittura non umanamente concepita. Va da sè che tutto ciò comporta una crescente dis-informazione, dei media in primis, degli utenti di conseguenza, con l' aggravante che le aziende cercano di fare dell'informazione un proprio personale megafono senza neppure investirci. Invece le testate DEVONO investire per avere credibilità, devono permettere ai propri redattori di STUDIARE, perchè sapere non basta, occorre conoscere approfonditamente e tutto questo costa esageratamente in termini di tempo, e quindi di retribuzione.

    Tronando nell specifico caso, non mi stupisce l'atteggiamento di Musk, e neppure quello della stampa da "sbatti il mostro in prima pagina". Tutti ci stiamo sempre più abituando a non approfondire, capire, sviscerare, ma ci serve il comunicato di turno semplice, diretto e netto, manicheo,questo è buono, questo è cattivo, finiremo male, finiremo bene, e si moltiplicano tesi complottiste che mille concetti insinuano e nessuno dimostrano (vd dieselgate o guida autonoma o altro) o peggio a rivelazioni sensazionalistiche volte a presagire rivoluzioni mirabolanti con tecnologie semplici a portata del primo che passa (tipo quelle rivelate al tempo da Grillo sull' auto ad idrogeno).

    Duro il mestiere di cittadino o giornalista informato e consapevole, ma necessario per non fare il burattino in mani sbagliate.
     
  10. ALGEPA

    ALGEPA Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1243529961
    Messaggi:
    12.002
    Piaciuto:
    3.152
    io aggiungo che a mio modesto avviso siamo in un era di profondi stravolgimenti nel mondo dell'auto, in cui si sta prospettando il sorgere di nuovi attori che vorrebbero scardinare un poco il concetto di automobile come lo abbiamo compreso fino ad ora, di rimando quindi c'è la reazione dei vecchi attori che invece vogliono continuare con lo status quo che conosciamo, la stampa in parte è sia attore che vittima di questa chiamiamola guerra.
     
  11. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    28.847
    Piaciuto:
    1.703
    e non solo, pensare di poter campare all'infinito con una ruota da girare, leve da spostare, pedali da schiacciare è ormai una visione limitativa, esattamente come accadde ai nostalgici della trazione animale, non è scomparsa e non è vietata, viene solo praticata in modalità e tempi non ordinari e per coloro che sono appassionati... ove possibile chiaramente...
     
  12. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    28.847
    Piaciuto:
    1.703
    la stampa, come accennavo prima, è ovviamente in seria difficoltà, economica ma non solo, per via delle nuove modalità comunicative ed informative. Sopratutto è difficile fare capire ai più che non basta che una cosa sia riportata in internet, magari su un sacco di siti perchè sia poi vera. Pare impossibile, ma è più facile credere ai sensazionalismi o a tesi complottisitiche o a mirabolanti tesi indimostrabili, che alle serie trattazioni tecnico-scientifiche. Come quelli che credevano che al Cern stessero cercando di creare un buco nero che inghiottisse la terra e tutto il sistema solare... la serietà, completezza ed approfondimento non vanno più di moda
     
  13. ALGEPA

    ALGEPA Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1243529961
    Messaggi:
    12.002
    Piaciuto:
    3.152
    io sono d'accordo con te , ma credo che ci sia anche alcuna stampa che si trincerà nel vecchio concetto di automobile quindi demonizzando il nuovo che avanza, mentre altra pur facendo doverosamente il suo mestiere vengono tirati per la gonnella da chi cerca di tirare l'acqua al suo mulino.
     
  14. pi_greco

    pi_greco Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1238603115
    Messaggi:
    28.847
    Piaciuto:
    1.703
    il che sarebbe buono e giusto, pur che avvenga motivando le proprie preferenze, avendo il coraggio delle idee e delle relative convinzioni e conoscenze di base. Tanto per citare un vecchio come Montanelli, sono memorabili certe sue prese di posizione motivate (pur se talora non condivise da molti, me compreso) ma talora rivelatesi corrette, mentre talora si sono rivelate non corrette, ma per onestà devo dire che il grande vecchio si è sempre fatto carico dei propri sbagli pubblicamente, guadagnando in crediblità a scapito della presunta infallibilità.

    Quello che manca oggi ad alcuni organi di informazione mordi e fuggi, è proprio questo, non approfondendo, si sbatte lo scandalo in prima pagina, si fanno affermazioni non documentate e non ci si fa carico di eventuali correzioni di rotta o almeno un approfondimento. Informare invece in modo completo, dando un quadro il più possibile dettagliato, comporta fatica e soldi per chi scrive e per chi legge, e siamo troppo abituati alla pappa pronta a basso o a zero costo, non importa la qualità, anzi, talora è vista come una noia mortale...
     
  15. ALGEPA

    ALGEPA Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1243529961
    Messaggi:
    12.002
    Piaciuto:
    3.152
    sono pienamente d'accordo con te e ti porto un esempio che ho letto da un libro di un famoso inviato che raccontava che all'insediamento di Obama lui come sempre fatto registrava il discorso e prendeva appunti per poi elaborare a casa il tutto e farne un articolo il giorno successivo, a fianco di lui invece c'erano molti inviati che in pratica in tempo reale pubblicavano direttamente sia il discorso del neo presidente che loro giudizi e commenti.
     

Condividi questa Pagina