Sul futuro che fa tanta paura

Sul futuro che fa tanta paura | Pagina 7 - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. Ateforp

    Ateforp

    Iscritto:
    1463062945
    Messaggi:
    98
    Piaciuto:
    24
    non è tanto una questione di età a mio parere ma di quanto ci piace guidare nel senso antico del termine.
    A nostro tempo abbiamo imparato a cambiare senza grattare le marce e al numero di giri corretto, a scalare prima di entrare in curva, a fare il bilanciere frizione acceleratore nelle partenze in salita, a usare il freno motore quando è più opportuno farlo... e tante altre cose simili, per alcuni di noi sono conoscenze che servite a portarci dal punto A al punto B, per gli amanti di questo concetto di guida sono stati argomento di discussioni tra uomini, fonte di aggregazione e attualmente motivo per avere un po' di nostalgia di quegli anni.

    La tecnologia di bordo è volta a migliorare la sicurezza di chi guida e a semplificare sempre di più la guida stessa fino al giorno in cui grazie alla guida autonoma si salirà su vetture che richiederanno le stesse conoscenze richieste per prendere un autobus e nessuna patente. Ho amici che non vedono l'ora di salire in auto e leggersi un libro fino a quando non giungono a destinazione, invece io che amo la guida "vecchio stile" a 65anni mi annoierò e forse opterò per mezzi pubblici più economici. La sicurezza sulle strade indubbiamente viene prima della passione per la guida che uno può avere o meno...:emoji_smirk:
     
    Ultima modifica: 23 Novembre 2017
    A ivanpg e mani in alto piace questo messaggio.
  2. Grattaballe

    Grattaballe

    Iscritto:
    1238766746
    Messaggi:
    6.102
    Piaciuto:
    96
    Di certo però, la passione per la guida si porta dietro la sicurezza come "effetto collaterale". Quelli che spargono insicurezza sulle strade non sono appassionati di guida. Anzi, non sanno proprio guidare...
    In un mondo di appassionati, la guida autonoma sarebbe inutile anche verso la sicurezza. Arriva oggi ma solo per riparare alla demenza del guidatore medio. Secondo me, eh...
     
  3. shendron

    shendron

    Iscritto:
    1266699529
    Messaggi:
    315
    Piaciuto:
    30
    Non sono per nulla d'accordo. Anche perché se il tuo fosse un ragionamento valido, nessun pilota professionista commetterebbe errori durante le gare, o non avrebbe incidenti, anche letali. Invece sappiamo benissimo che non è così. Non sto a fare la lista dei piloti che ci hanno rimesso la salute o la vita. C'è poco da fare. Anche la troppa sicurezza delle proprie capacità può essere pericolosa. E si possono commettere sempre errori o distrazioni. Per di più in in traffico intenso. Lascia stare dai. Meglio avere un aiutante sempre vigile da aggiungere alle proprie capacità.
     
  4. mani in alto

    mani in alto Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1498149055
    Messaggi:
    1.716
    Piaciuto:
    659
    Bisogna pró considerare che in gara la priorità é andare il più veloce possibile, generalmente si sta appiccicato all'avversario ( a 10 cm a 250 l'ora) si battaglia con altre auto, spesso toccandosi violentemente, e si cerca sempre di superare il limite dell'auto.
    Ma guidare su strada per un appassionato non é questo, anzi l'appassionato ripudia tutti questi comportamenti su strada.
    Difficilmente si vedrà un'appassionato della guida stare incollato a chi lo precede, o guidare usando il cellulare o guardando altrove, men che meno a velocità spropositate in città.
     
  5. ALGEPA

    ALGEPA Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1243529961
    Messaggi:
    8.048
    Piaciuto:
    1.304
    aggiungo una altra semplice e forse banale considerazione che però temo a molti sfugge, in pista ogni centimetro quadrato è monitorato e non riserva sorprese, quando guidi sai benissimo quello che troverai nei prossimi centinai di metri, e anche nel caso di imprevisti come un incidente i commissari di pista che ti avvertono della cosa, sulle strade aperte al pubblico non puoi avere questo tipo di sicurezza, anche per questo chi ha esperienza di pista di solito quando si ritrova nel normale traffico è poco avvezzo a certe condotte di guida e prova poco piacere , anzi spesso se riesce lascia la guida agli altri
     
  6. andreaci75

    andreaci75

    Iscritto:
    1505392101
    Messaggi:
    326
    Piaciuto:
    89

    Un appassionato è pur sempre un uomo con tutti i suoi difetti. Può sbagliare, può perdere la pazienza, può distrarsi, può avere troppa fretta.
    Perciò, anche in un mondo di soli appassionati gli incidenti sarebbero comunque frequenti.
    Ma di cosa parliamo, poi? non esiste un mondo simile.
    Anche a me piace guidare, ma la direzione intrapresa è ormai nota.
    comunque non credo che siamo già al declino della guida manuale.
    Credo che vedremo auto tradizionali ancora per svariate decine di anni. Peccato per tutte queste diavolerie elettroniche non disattivabili, ma ripeto: se non lo facessero, ci sarebbero più incidenti, perciò non posso nemmeno dire che è sbagliato. Posso solo dire che a me non piacciono.
     
  7. andreaci75

    andreaci75

    Iscritto:
    1505392101
    Messaggi:
    326
    Piaciuto:
    89

    Scusa, ho una curiosità, senza polemiche: ma in condizioni simili non si fa prima a piedi?
     
  8. ALGEPA

    ALGEPA Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1243529961
    Messaggi:
    8.048
    Piaciuto:
    1.304
    hai perfettamente ragione, è che siamo talmente assuefatti spesso all'uso dell'automobile che non vediamo alternative.
     
  9. andreal1967

    andreal1967

    Iscritto:
    1456760330
    Messaggi:
    71
    Piaciuto:
    30
    Oggi guidare e' una responsabilita'. Verso gli altri, per evitare di arrecare danni a persone e cose, verso l'ambiente, per cercare di lasciare meno impronta possibile su clima , flora e fauna dal nostro passaggio. Verso noi stessi, per recuperare tempo e risorse che se ne vanno in ingorghi e ricerche di parcheggi che non ci sono.
    A 18 anni per me l'auto era un sogno che si realizzava. Mio nonno mi regalo' la sua Alfa Romeo 1750 berlina del 71', auto potentissima e davvero divertente. Negli anni ho avuto diverse auto anche d'epoca e il piacere di guida e' sempre stato una prerogativa essenziale.
    Con gli anni ho pero' ridimensionato molto questo aspetto, e l'auto e' diventata sempre di piu' funzionale che ricreativa.
    Pero' devo dire che mi fa arrabbiare vedere auto con motori raffazzonati , freni posteriori a tamburi, finiture da terzo mondo e guidabilita' passabile, solo perche' mediata da ESP invasivi che puntano il loro appeal sullo schermo da astronave e connettivita' facebook ... ma come si fa a pubblicizzare un'auto facendo vedere che ti legge i messaggi di whatsupp.. qui siamo sul ridicolo, e i clienti adesso e' questo che chiedono. Ero in concessionaria Fiat e un signore era a comprare una Panda , totalmente disinteressato agli aspetti tecnici del prodotto che comprava, chiedeva solo il Bluetooth.
    E cosi' continuano a vendere le Panda con il Fire 1.2 che in citta' fa 10 km/l (ci e' caduta anche mia mamma) quando un'auto totalmente ignorata dal pubblico come la Suzuki Baleno, ne fa quasi 18 , ma quella non vende perche' ha le plastiche rigide e gli manca la striscia colorata sul cruscotto.
     
    A Guastatore1986 piace questo elemento.
  10. andreal1967

    andreal1967

    Iscritto:
    1456760330
    Messaggi:
    71
    Piaciuto:
    30
    ps... quando posso al lavoro io vado in bici elettrica. invece di 40 minuti in coda, attraverso il centro in ciclabile e arrivo nella meta' del tempo. L'auto per gli spostamenti urbani a corto raggio e' obsoleta specialmente se diesel. Auspico auto con motore termico ibrido per spostamenti a lungo raggio e elettrico plugin per andare al lavoro. Questa e' la soluzione che salva capra e cavoli
     
  11. andreal1967

    andreal1967

    Iscritto:
    1456760330
    Messaggi:
    71
    Piaciuto:
    30
    Avete poi mai provato un'auto con dispositivi ADAS nell'uso normale?
    abbiamo un kadjar aziendale cosi' dotato, ma suona di continuo. La prima cosa che fanno tutti quelli che lo guidano e' spengere l'assistente di corsia e la frenata automatica. Ai costruttori non frega niente di ottimizzare il software di questi dispositivi per renderli maggiormente intelligenti, li montano solo per avere 5 stelle a quella boiata che e' il test euroncap che e' l'equivalente dei cicli di omologazione delle auto. Le auto vengono progettate per fregare gli uni e gli altri e ottenere ottimi punteggi solo nei test ma che nella vita di tutti i giorni non e' detto che funzionino. Preferisco un'auto che frena bene , sta incollata alla strada, poi ci penso io ad evitare l'incidente (sono in prima classe da sempre), ma qui si giudica la bonta' di un'auto dal fatto che ti segnala le cinture non allacciate o manca di avviso di corsia o segnalatore di stanchezza. Vogliamo poi parlare dell'accesso keyless? quello che riescono a clonare mentre sei al ristorante con la chiave in tasca e ti rubano l'auto parcheggiata in strada senza il minimo sforzo??? pigiare il bottone sul telecomando e girare una chiave e' diventato cosi' faticoso?
     
  12. NEWsuper5

    NEWsuper5 Moderatore Membro dello Staff

    Iscritto:
    1239372328
    Messaggi:
    27.787
    Piaciuto:
    1.273
    Sono dispositivi tarati per rispettare le distanze di sicurezza, obbligatorie per legge.
    Se si guida senza rispettarle, fanno solo il loro lavoro, ma siamo noi a sbagliare e a creare una situazione di potenziale pericolo, non certo l'auto.
    In qusto caso direi di no. I costruttori cercano di produrre auto sicure, se poi noi guidiamo male, non è colpa loro. E le statistiche sugli incidenti, sono lì a confermarlo.
    I test Euroncap valutano anche la presenza di sistemi di sicurezza attiva e dispositivi elettronici. Ma è davvero riduttivo dire che non si fanno pesanti test anche sulla sicurezza passiva.
    Per clonare questi sistemi devono piazzare un ricevitore radio ad un metro da chi ha le chiavi in tasca e un altro vicino all'auto. Non è così facile come dicono, nella realtà.
    Senza attrezzature idonee è ben più facile e veloce scassinare un classico blocchetto meccanico, per un ladro.
     
    A arizona77 piace questo elemento.
  13. Guastatore1986

    Guastatore1986

    Iscritto:
    1249685386
    Messaggi:
    801
    Piaciuto:
    63
    Guarda anche io sono rimasto deluso dalla Renault sulla Clio 4 quando monta anche su versioni da 90 CV o più i freni a tamburo dietro (mi riferisco a quelle normali, anche con assetto sportivo, non la RS). Se vendo più Panda che Baleno è colpa dell'ignoranza dell'automobilista medio che pensa addirittura che la Panda Polacca e Terrona (Costruita a Pomigliano D'Arco, dove facevano l'AlfaSud, nella terra di Nicola) siano uguali a quella Polentona (quella disegnata da Giugiaro e costruita a Torino) e che basa la sua scelta sulle pubblicità e la moda del momento.
     
    Ultima modifica: 9 Febbraio 2018
  14. Guastatore1986

    Guastatore1986

    Iscritto:
    1249685386
    Messaggi:
    801
    Piaciuto:
    63
    Guarda che siamo noi che siamo stati in tutti questi anni dei "Testicoli" a usare la macchina a gasolio per i tragitti urbani a corto raggio aggiungendoci che preferiamo andare in città ed altri posti con un SUV o un CrossOver invece di una Citycar o un'utilitaria di Segmento B, magari automatiche, Diesel se abiti in provincia e lavori in città (o viceversa) se non vuoi rinunciare al bagagliaio e ad un ottimo mezzo di sicurezza: La ruota di scorta di dimensioni normali! Io se avessi il lavoro sotto casa mi prenderei un'auto a Benzina (magari sportiva da sfogarla all'autodromo Paletti di Varano De Melegari), ma chi ti dice che potrei avere un'hobby (se tutto va bene) che per farlo, devo fare tanta strada?
     
  15. Franz Hsd

    Franz Hsd

    Iscritto:
    1414508994
    Messaggi:
    13
    Piaciuto:
    1
    Premetto che possiedo un auris ibrida Toyota. Ritengo che l'ibrido sia una transizione inutile verso l'elettrico , mi spiego in termini di consumo sono sui 17-18 km litro e in questo senso non vedo tutta questa rivoluzione. So di persone che fanno molto meglio, utilizzando peró tecniche particolari.
    Ritengo che una tecnologia sia valida quando i vantaggi sono per tutti . Quello mi piace della mia auto sono il non cambio cvt che molti disprezzano per un presunto effetto scooter che io non rilevo assolutamente .
    La guida autonoma è la moda del momento e l' essere umano per natura quando si parla di un applicazione pensa subito alle estreme conseguenze di un auto che fa tutto da sola quando per esperienza diretta ritengo utile solo un sistema che in caso di malore del conducente prenda i comandi accosti e chiami subito i soccorsi .
     

Condividi questa Pagina