2016 baleno

2016 baleno | Pagina 12 - opinioni e discussioni sul Forum di Quattroruote

  1. ChristianS75

    ChristianS75

    Iscritto:
    1491378939
    Messaggi:
    1
    Piaciuto:
    0
    Ciao a tutti,
    dopo diverse valutazioni ho deciso di ordinare una Beleno di colore bianco e vorrei chiedere cortesemente una info a PabloSuzuki.
    Ho visto dalle foto che hai montato dalle protezioni lateriali nere sulle portiere. Le hai prese dal concessionario che te le ha anche montate? come ti è sembrata la macchina dopo averle messe? A me dalle immagini la fiancata pare più snella. Quanto costano?

    Spero di essere contenento dell'acquisto.

    Grazie
     
  2. carlo-carli

    carlo-carli

    Iscritto:
    1494285582
    Messaggi:
    2
    Piaciuto:
    0
    Salve,, vengo da 16 anni di utilizzo di una Seat Ibiza 1900 diesel (170.000 km) che va ancora benissimo e della quale non posso che dire bene sia per i consumi sia per la durata senza difetti. Ormai mi ci sono affezionato ma purtroppo a breve dovrò sostituirla per i problemi di blocco del traffico ( è una Euro3).
    Ho seguito le vostre discussioni molto interessanti . Le auto che ho preso in esame per la sostituzione sono la Skoda Fabia e la Seat Ibiza ( a benzina naturalmente, non voglio neppure sentire parlare di FAP . hanno entrambe un motore WV il che mi dà molto affidamento). Sono però anche tentato dalla Baleno e mi trovo nel dubbio se acquistare la Baleno 1.0, la 1.2 o la 1.2 ibrida.
    Premetto che circolo quasi esclusivamente su strade provinciali e autostrade (circa 10.000 km all'anno) mi chiedo quale motore mi convenga scegliere ( ci tengo molto al risparmio). Inoltre mi preoccupa molto il comportamento degli ammortizzatori posteriori che mi sembra non sia ancora stato risolto e di cui ho letto pessime recensioni su forum indiani.

    Un'altro dubbio non da poco : di un motore WV si trovano ricambi ovunque, ma di Baleno ne sono state vendute veramente poche: non avete mai pensato a cosa può succedere se si guasta in un paesino sperduto?
     
    Ultima modifica: 9 Maggio 2017
  3. lucianosergio

    lucianosergio

    Iscritto:
    1469638915
    Messaggi:
    15
    Piaciuto:
    3
    Salve,, vengo da 16 anni di utilizzo di una Seat Ibiza 1900 diesel (170.000 km) che va ancora benissimo e della quale non posso che dire bene sia per i consumi sia per la durata senza difetti. Ormai mi ci sono affezionato ma purtroppo a breve dovrò sostituirla per i problemi di blocco del traffico ( è una Euro3).
    Ho seguito le vostre discussioni molto interessanti . Le auto che ho preso in esame per la sostituzione sono la Skoda Fabia e la Seat Ibiza ( a benzina naturalmente, non voglio neppure sentire parlare di FAP . hanno entrambe un motore WV il che mi dà molto affidamento). Sono però anche tentato dalla Baleno e mi trovo nel dubbio se acquistare la Baleno 1.0, la 1.2 o la 1.2 ibrida.
    Premetto che circolo quasi esclusivamente su strade provinciali e autostrade (circa 10.000 km all'anno) mi chiedo quale motore mi convenga scegliere ( ci tengo molto al risparmio). Inoltre mi preoccupa molto il comportamento degli ammortizzatori posteriori che mi sembra non sia ancora stato risolto e di cui ho letto pessime recensioni su forum indiani.

    Un'altro dubbio non da poco : di un motore WV si trovano ricambi ovunque, ma di Baleno ne sono state vendute veramente poche: non avete mai pensato a cosa può succedere se si guasta in un paesino sperduto?

    Ultima modifica

    Ciao Carlo,
    io ho superato da poco i 22.000 e ho il modello 1.2 base, senza batteria ausiliaria.
    Faccio pari pari le stesse strade che fai tu all'incirca...molto extraurbano, un pò di città e qualche volta in autostrada.
    le medie oscillano dai 20km /l col clima attaccato fino a 21-22 km/l senza...se tieni una guida normale.
    Credo che prendere il modello con batteria ausiliaria possa dare qualche piccolo vantaggio se fai molta città, ma nel caso tuo sia abbastanza ininfluente...oddio se proprio la vuoi prendere la differenza è di un migliaio di euro...
    Poi c'è il vecchio detto che se un componente non c'è vuol dire che non si rompe...
    Gli ammortizzatori posteriori in effetti sono un pò debolucci, ma io viaggio quasi sempre da solo e non mi danno problemi, e a dirla tutta sono pezzi che con poche centinaia di euro te li monti come vuoi...
    Sono pienamente soddisfatto del motore e dei consumi di questa macchina
     
  4. carlo-carli

    carlo-carli

    Iscritto:
    1494285582
    Messaggi:
    2
    Piaciuto:
    0
    Grazie Lucianosergio, oggi sono andato a vedere la Baleno da un concessionario; devo dire che è proprio bella e spaziosa. Io tutte queste critiche per le plastiche dure e morbide non le capisco proprio... a me sembrano più che decenti e se si vuole andare a scovare le finiture non perfette vuol dire che si bada più all'apparenza che alla sostanza. Ho elencato al concessionario alcuni dei problemi da voi riscontrati, soprattutto quello degli ammortizzatori. Lui naturalmente mi ha detto che ne ha sentito parlare ma che nessuno dei suoi clienti si è mai lamentato.. (figurati se me lo direbbe).
    Ho visto comunque che qualcuno dei partecipanti al forum ha trovato la soluzione montando delle molle aggiuntive... buono a sapresi.
     
  5. Jazzaro

    Jazzaro

    Iscritto:
    1447672145
    Messaggi:
    1.058
    Piaciuto:
    97
    Sì e no. Il materiale delle sedi valvola (e delle valvole) è importante per diminuirne l'usura in seguito alle alte temperature di lavoro con alimentazione a gas, ma contando che quando la valvola inizia a "puntare", cioè a non chiudere più bene, l'usura aumenta in maniera esponenziale, va da sè che le punterie idrauliche siano comunque una soluzione tecnica efficace per la durata del motore. Sono meno importanti rispetto alla corretta scelta dei materiali delle sedi e della messa a punto dell'impianto, ma contano pure loro.
    La benzina non lubrifica, ha potere lubrificante pari a zerovirgola qualcosa... Essendo però in fase liquida, durante la compressione e bagnando parti calde della camera di scoppio evapora, e così facendo sottrae calore abbassando le temperature medie e di picco. La lubrificazione della benzina non esiste più da quando hanno tolto il piombo tetraetile.
    Con i recenti materiali ultraduri l'usura di camme, bicchierini e sedi valvola durante il normale funzionamento si è ridotta notevolmente, in più sovente (come nel caso delle nostre Honda) le punterie sono a rullo, con la camma che spinge un rullo, non la superficie del bicchierino. In questo modo l'usura si riduce a livelli trascurabili, richiedendo il controllo del gioco ogni 100-150000km, ed essenzialmente per l'usura delle sedi. Così facendo si evita la complicazione delle punterie idrauliche, che impongono condotti per l'olio appositi ma soprattutto pressioni nel circuito di lubrificazione superiori, con maggior dispendio di energia per ottenerle.
     
  6. Jazzaro

    Jazzaro

    Iscritto:
    1447672145
    Messaggi:
    1.058
    Piaciuto:
    97
    I trattamenti superficiali alle plastiche della plancia e la trama/spessore della moquette son cose che aggiungono valore, non sono solo apparenza. Uno dei motivi per cui nel test di Quattroruote è stata misurata una notevole differenza di rumorosità fra posti anteriori e posteriori è proprio la consistenza della moquette e la cura nella sua stesura. Siamo comunque entro il livello della decenza ma, sotto questi aspetti, la concorrenza europea lavora generalmente meglio.
     
  7. lerobert

    lerobert

    Iscritto:
    1265405938
    Messaggi:
    388
    Piaciuto:
    5
    Si, in effetti volevo dire quello, la differenza tra bruciare "a secco" con il gas e "in umido" con la benzina. Mi si perdoni la grossolanità della spiegazione, non possiedo tutta questa competenza.

    Ecco, questo non lo sapevo.
     
  8. Jazzaro

    Jazzaro

    Iscritto:
    1447672145
    Messaggi:
    1.058
    Piaciuto:
    97
    Sì, le punterie idrauliche sono una complicazione ed un costo che i progettisti si evitano volentieri, anche perchè funzionano bene fin quando non entrano delle morchie nel loro sistema di valvole, e tanti saluti al loro corretto funzionamento. Molti le stanno abbandonando perchè i materiali consentono durate superiori fra i controlli, perchè più di qualcuno usa dei bilancieri con il rullo, e perchè con le pompe olio a portata variabile si cerca di limare ogni decimo sull'assorbimento di potenza complessivo degli accessori, e l'assenza delle punterie idrauliche consente di star più bassi con portate e pressioni. Ergo la presenza della regolazione idraulica del gioco valvole non è più un parametro significativo per la bontà di un motore a benzina, come invece poteva essere 20 anni fa. A gas invece è bene che ci siano, a meno che il controllo e regolazione del gioco non siano semplici ed economici da eseguire ogni 30-50000km.
     

Condividi questa Pagina